Home > Riviste > Minerva Pediatrica > Fascicoli precedenti > Minerva Pediatrica 2006 June;58(3) > Minerva Pediatrica 2006 June;58(3):299-304

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA PEDIATRICA

Rivista di Pediatria, Neonatologia, Medicina dell’Adolescenza
e Neuropsichiatria Infantile


Indexed/Abstracted in: CAB, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,532


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Pediatrica 2006 June;58(3):299-304

lingua: Italiano

Defecazione dolorosa e stipsi cronica funzionale nel bambino. Inquadramento diagnostico e terapeutico

Sabatino M. D., Borrelli M., Cautiero P., Romano M., Parmeggiani P., Marte A.

Dipartimento di Chirurgia Pediatrica Seconda Università degli Studi di Napoli, Napoli


PDF  


Obiettivo. Lo scopo di questo lavoro era riportare i risultati della nostra esperienza nel trattamento della stipsi cronica funzionale associata a dolore durante la defecazione.
Metodi. Dal gennaio 1999 al gennaio 2004 sono stati selezionati 60 pazienti — 25 di sesso femminile e 35 di sesso maschile di età compresa tra i 6 mesi e i 12 anni — che soddisfacevano i criteri ROMA II per la diagnosi di stipsi cronica funzionale associata a dolore evacuativo. Tutti i pazienti sono stati sottoposti a manometria anorettale che ha evidenziato la presenza dei riflessi anali inibitori (RAI). è stato intrapreso un programma di ricondizionamento a evacuazioni giornaliere con dieta ad alto contenuto di fibre, lattulosio e prilocaina /lidocaina locale. Sette pazienti resistenti al trattamento farmacologico, all’ecoendografia anale hanno presentato aumento dello spessore dello sfintere anale interno (SAI). Tali pazienti sono stati trattati con tossina botulinica-A (TB-A) a livello del SAI. In 2 di questi pazienti, data la persistenza della sintomatologia, è stata praticata una sfinteromiectomia.
Risultati. Al termine del trattamento 40 pazienti dei 56 pazienti arruolati (71,4%) evacuano ogni giorno in assenza di dolore. In 9 pazienti si sono presentate ricadute. Nei pazienti trattati chirurgicamente con iniezione di TB-A e sfinteromiectomia l’alvo si è regolarizzato rispettivamente dopo 2 settimane e 6 settimane.
Conclusioni. La nostra strategia terapeutica si propone di spezzare un circolo vizioso di spasmo/dolore/spasmo con terapia antidolorifica protratta nel corso della giornata insieme con dei softner delle feci. In caso di resistenza al trattamento farmacologico in pazienti con RAI presenti e ispessimento del sai, la TB-A può essere un valido ausilio in luogo della classica sfinteromiectomia.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail