Home > Riviste > Minerva Pediatrica > Fascicoli precedenti > Minerva Pediatrica 2006 Aprile;58(2) > Minerva Pediatrica 2006 Aprile;58(2):193-7

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA PEDIATRICA

Rivista di Pediatria, Neonatologia, Medicina dell’Adolescenza
e Neuropsichiatria Infantile


Indexed/Abstracted in: CAB, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,532


eTOC

 

CASI CLINICI  


Minerva Pediatrica 2006 Aprile;58(2):193-7

lingua: Inglese

Kawasaki’s disease with paralytic ileus. A case report

Pavone P. 1,2, Nicolini A. 1, Armenia R. 1, D’Orazio A. 1, Nunnari G. 3, Nicolini E. 1

1 Pediatrics Unit, Civil Hospital OMPA, Ragusa, Italy
2 Department of Pediatrics University Polyclinic, Catania, Italy
3 Division of Infectious Diseases Thomas Jefferson University, Philadelphia, MA,USA


PDF  


Gli Autori descrivono il caso di un infante di 18 mesi, che, all’inizio della malattia, ha presentato febbre e poi, successivamente, tutti i segni della malattia di Kawasaki. Due giorni dopo l’ammissione in reparto il piccolo ha iniziato a presentare vomito, distensione addominale, meteorismo e tumefazione scrotale con edema. Una radiografia addominale senza mezzo di contrasto ha messo in evidenza la presenza di multipli livelli idroaerei in sede ileale ed è stata posta diagnosi di ileo paralitico. Diversi clismi evacuativi hanno determinato la scomparsa della sintomatologia intestinale. Nel nostro caso sono state necessarie 2 dosi di terapia con immunoglobuline per avere una remissione della sintomatologia (2 g/kg die). I medici devono essere a conoscenza di questa patologia, ma soprattutto delle forme atipiche.
Gli Autori concludono che la presenza di ileo paralitico in un bambino febbrile può rappresentare un segno clinico inusuale della malattia di Kawasaki e può giustificare un tempestivo trattamento con immunoglobuline endovena.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail