Home > Riviste > Minerva Pediatrica > Fascicoli precedenti > Minerva Pediatrica 2006 Aprile;58(2) > Minerva Pediatrica 2006 Aprile;58(2):167-82

ULTIMO FASCICOLOMINERVA PEDIATRICA

Rivista di Pediatria, Neonatologia, Medicina dell’Adolescenza
e Neuropsichiatria Infantile


Indexed/Abstracted in: CAB, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,532

 

REVIEW  


Minerva Pediatrica 2006 Aprile;58(2):167-82

lingua: Italiano

L’allergia all’uovo

Alessandri C., Calvani Jr. M.

Divisione Pediatrica, Ambulatorio Allergologico Ospedale S. Camillo de Lellis, Roma


PDF  ESTRATTI


L’uovo è uno degli alimenti più frequentemente causa di allergia in età pediatrica. Il meccanismo patogenetico dell’allergia all’uovo è costituito da una reazione IgE mediata di tipo I, anche se non possono essere esclusi altri meccanismi. Lo scopo di questa revisione è confermare come la diagnosi di allergia alle proteine dell’uovo sia essenzialmente clinica e come il test di provocazione orale in doppio cieco a tutt’oggi rimanga il gold standard per la diagnosi. Pur essendo stati proposti valori di riferimento per il prick test e per le IgE specifiche nel siero, in grado di predire la comparsa di sintomi clinici in svariati gruppi di soggetti sensibilizzati all’uovo, tali valori non hanno la stessa efficienza diagnostica nel singolo paziente, poiché si riferiscono prevalentemente a pazienti pediatrici affetti da dermatite atopica e a limitate fasce di età. I pazienti pediatrici affetti da dermatite atopica possono avere sintomi alla prima somministrazione dell’uovo, in quanto la sensibilizzazione, come per il latte vaccino, può avvenire in utero o attraverso il latte materno.
L’unica terapia a disposizione, in caso di allergia alimentare all’uovo, è la sua completa esclusione dalla dieta ed è necessario, pertanto, non dimenticare come sia frequentemente presente reattività crociata con uova di altri uccelli, mentre solo nel 5% dei casi è stata segnalata reattività crociata con la carne di pollo e/o di altri volatili.
Da questa revisione risulta, inoltre, come i pazienti pediatrici allergici all’uovo possano essere sottoposti alla vaccinazione contro morbillo-rosolia-parotite.

inizio pagina