Home > Riviste > Minerva Pediatrica > Fascicoli precedenti > Minerva Pediatrica 2006 Aprile;58(2) > Minerva Pediatrica 2006 Aprile;58(2):109-20

ULTIMO FASCICOLOMINERVA PEDIATRICA

Rivista di Pediatria, Neonatologia, Medicina dell’Adolescenza
e Neuropsichiatria Infantile


Indexed/Abstracted in: CAB, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,532


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Pediatrica 2006 Aprile;58(2):109-20

lingua: Inglese

Neurobiologia dell’autismo: studio di un campione di soggetti autistici in età evolutiva

Germanò E., Gagliano A., Magazù A., Calarese T., Calabrò M. E., Bonsignore M., Tortorella G., Calamoneri F.

Unità di Neuropsichiatria Infantile Università degli Studi di Messina, Messina


PDF  ESTRATTI


Obiettivo. Le recenti ricerche volte allo studio delle caratteristiche neuroanatomiche, neurofunzionali e/o neurochimiche dei soggetti affetti disturbo autistico (DA) hanno fornito numerosi dati a favore dell’ipotesi che fattori organici diversi possano condurre a una distorsione dello sviluppo cerebrale fenotipicamente espressa con il pattern deficitario autistico. Lo scopo di questo lavoro era analizzare un campione di soggetti affetti da DA con un vasto protocollo di indagini strumentali e di laboratorio per esplorare le basi neurobiologiche della sindrome.
Metodi. Sono stati reclutati 80 soggetti affetti da DA, che sono stati sottoposti al medesimo protocollo di indagini neurobiologiche: RMN encefalo; EEG veglia/sonno; PEV, ABR; esame del cariotipo e ricerca dell’X fragile; determinazione dei livelli plasmatici e/o urinari di serotonina, catecolamine, acido omovanillico, aminoacidi, ammonio, acido lattico, creatinfosfochinasi, acido piruvico, calcio, acido urico, proteine totali, anticorpi diretti contro gli agenti infettivi neurotropi.
Risultati. L’88% dei soggetti aveva un disordine di uno o più dei parametri neurobiologici studiati.
Conclusioni. Questo studio offre una visione d’insieme delle possibili noxae patogene coinvolte nell’eziopatogenesi del disturbo e del peso percentuale che ogni fattore eziologico biologico ha rispetto allo sviluppo del fenotipo autistico. Conferma, inoltre, l’ipotesi che il DA corrisponda a un fenotipo comportamentale atipico, espressione di una disfunzione cerebrale a eziologia eterogenea.

inizio pagina