Home > Riviste > Minerva Pediatrica > Fascicoli precedenti > Minerva Pediatrica 2006 February;58(1) > Minerva Pediatrica 2006 February;58(1):47-53

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA PEDIATRICA

Rivista di Pediatria, Neonatologia, Medicina dell’Adolescenza
e Neuropsichiatria Infantile


Indexed/Abstracted in: CAB, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,532


eTOC

 

REVIEW  


Minerva Pediatrica 2006 February;58(1):47-53

lingua: Inglese

Child thyroid disruption by environmental chemicals

Massart F., Massai G., Placidi G., Saggese G.

Pediatric Endocrine Center Department of Pediatrics University of Pisa, Pisa, Italy


PDF  


Numerose evidenze clinico-sperimentali suggeriscono che la funzione tiroidea umana e animale può essere alterata da un gran numero di inquinanti comunemente presenti al livello ambientale. Sebbene l'uomo sia generalmente esposto a basse dosi di inquinanti, alterazioni della secrezione tiroidea indotte da contaminanti ad attività ormonale rappresentano un crescente problema di salute pubblica.
La ghiandola tiroidea è, infatti, essenziale per il corretto sviluppo cerebrale dei mammiferi sia prima sia dopo la nascita. Inoltre, recenti studi clinici indicano come il sistema nervoso centrale sia molto più sensibile a squilibri ormonali di quanto precedentemente ritenuto. Alterazioni della secrezione tiroidea durante lo sviluppo psicosomatico di un organismo possono avere profonde e irreversibili ripercussioni sulle funzioni neurologiche anche in età adulta.
Poiché gli ormoni tiroidei sono indispensabili per il corretto sviluppo neurologico di un organismo in crescita, contaminanti ambientali che ne alterino l'omeostasi endocrina possono gravemente compromettere le funzioni superiori del soggetto.
Lo scopo di questo lavoro è analizzare i meccanismi patogenetici attraverso cui i vari inquinanti ambientali interferiscono con la secrezione, il metabolismo o l'azione degli ormoni tiroidei del bambino.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail