Home > Riviste > Minerva Pediatrica > Fascicoli precedenti > Minerva Pediatrica 2006 February;58(1) > Minerva Pediatrica 2006 February;58(1):9-13

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA PEDIATRICA

Rivista di Pediatria, Neonatologia, Medicina dell’Adolescenza
e Neuropsichiatria Infantile


Indexed/Abstracted in: CAB, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,532


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Pediatrica 2006 February;58(1):9-13

lingua: Inglese

Primary repair in esophageal atresia.The results of long term follow-up

Cimador M., Carta M., Di Pace M. R., Natalè G., Castiglione A., Sergio M., Corsello G., De Grazia E.

1 Pediatric Surgery Unit University of Palermo, Palermo, Italy
2 Pediatrics and Neonatal Intensive Care Unit University of Palermo, Palermo, Italy


PDF  


Obiettivo. Lo scopo di questo studio è stato valutare, per un periodo di 12 anni, le possibili complicanze nei pazienti pediatrici affetti da atresia esofagea corretta alla nascita con anastomosi termino-terminale.
Metodi. Quindici bambini operati per atresia esofagea e fistola tracheo-esofagea sono stati seguiti per un periodo di 6-12 anni. Sono stati eseguiti: valutazione clinica, studio delle abitudini alimentari, esofagogramma con mezzo di contrasto, manometria esofagea, pH-metria ed endoscopia esofagea.
Risultati. I 15 pazienti hanno completato la valutazione clinica e la serie di test previsti durante il follow-up nei 12 anni. Nei primi 6 anni dopo l’intervento sono stati osservati in 3 casi lieve disfagia e reflusso gastroesofageo, in 4 solo reflusso. A questi 7 pazienti sintomatici è stato consigliato di modificare alcuni semplici abitudini nutrizionali associando la somministrazione di antagonisti dei recettori H2. A 12 anni dall’intervento tutti i pazienti hanno mostrato un trend di crescita compreso tra il 50° e il 75° percentile. I pazienti non hanno riferito alcuna restrizione dietetica. Cinque pazienti hanno presentato lieve disfagia per i cibi solidi e, più raramente, bruciore epigastrico, rigurgiti e senso di sazietà. Sono state osservate, inoltre, numerose contrazioni non peristaltiche all’esofagogramma e una moderata alterazione della motilità esofagea allo studio manometrico. La pH-metria e l’esofagoscopia non hanno mostrato alterazioni o lesioni significative in nessuno dei pazienti esaminati.
Conclusioni. Anche se il reflusso gastroesofageo e l’alterata motilità esofagea sono di frequente riscontro nei pazienti affetti da atresia esofagea operati con anastomosi primaria, non sembrano, comunque, influenzare il loro comportamento nutrizionale.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail