Ricerca avanzata

Home > Riviste > Minerva Pediatrica > Fascicoli precedenti > Minerva Pediatrica 2005 Dicembre;57(6) > Minerva Pediatrica 2005 Dicembre;57(6):399-410

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI   eTOC

ULTIMO FASCICOLOMINERVA PEDIATRICA

Rivista di Pediatria, Neonatologia, Medicina dell’Adolescenza
e Neuropsichiatria Infantile

Indexed/Abstracted in: CAB, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,532

Periodicità: Bimestrale

ISSN 0026-4946

Online ISSN 1827-1715

 

Minerva Pediatrica 2005 Dicembre;57(6):399-410

 REVIEW

Risk management: danno professionale e Pronto Soccorso

Di Pietro P., Lattere M., Villa G., Piccotti E., D'Agostino P

A causa del limitato numero di Centri pediatrici in grado di fornire l'intero continuum delle cure pediatriche, incluse cure specialistiche, e generalmente intesi come Centri di riferimento regionali di terzo livello, l'assistenza pediatrica in emergenza-urgenza in Italia è spesso appannaggio dei Pronto Soccorso (PS) per pazienti adulti nel contesto di ospedali non pediatrici. Di conseguenza, la maggioranza dei pediatri che lavora in reparti o divisioni pediatriche ospedaliere effettua consulenze pediatriche per il PS, con seri rischi sotto il profilo medico-legale: tali rischi sono correlati al fatto che un adeguato trattamento pediatrico, in una situazione di emergenza, implica un adeguato equipaggiamento, uno staff ben addestrato, un adeguato e specializzato triage e linee guida precise sulla destinazione del paziente ma, sfortunatamente, non tutti i PS italiani rispondono a questi requisiti.
La formazione al risk management rivolta all'intero staff del PS può contribuire a ridurre il coinvolgimento delle istituzioni ospedaliere in cause medico-legali. Un altro utile strumento nel contesto del PS è l'osservazione breve intensiva (OBI) per ben definite patologie (quali asma, croup, bronchiolite, gastroenterite, dolore addominale, disidratazione lieve, intossicazioni/avvelenamenti o convulsioni febbrili), che può assicurare una migliore assistenza al malato, una riduzione di diagnosi erronee e di durata del ricovero e, di conseguenza, un miglior risk management, minori vertenze legali e risparmio sui costi di gestione.
Nel nostro lavoro, inoltre, si è cercato di evidenziare l'importanza di aspetti con potenziale rischio di esposizione a contenziosi locali, quali il consenso informato, il rifiuto del consenso informato, la refertazione, la documentazione di procedure di PS per pazienti pediatrici.
Oltre a questo, la qualità dell'assistenza fornita in PS in Italia è stata valutata attraverso una rassegna di vertenze legali relative a pazienti pediatrici negli ultimi 10 anni.
Infine, viene sottolineata l'importanza della costituzione di una commissione nel contesto della Società Italiana di Pediatria per discutere linee di condotta per pediatri coinvolti nella medicina d'emergenza

lingua: Italiano


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina