Home > Riviste > Minerva Pediatrica > Fascicoli precedenti > Minerva Pediatrica 2005 October;57(5) > Minerva Pediatrica 2005 October;57(5):259-68

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA PEDIATRICA

Rivista di Pediatria, Neonatologia, Medicina dell’Adolescenza
e Neuropsichiatria Infantile


Indexed/Abstracted in: CAB, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,532


eTOC

 

REVIEW  


Minerva Pediatrica 2005 October;57(5):259-68

lingua: Inglese

Immunomodulation during sepsis in organ transplanted children

Angele M. K., Loehe F., Faist E.


PDF  


I nuovi agenti immunosoppressori hanno drasticamente ridotto le percentuali di rigetto acuto degli organi trapiantati negli ultimi 10 anni, ma hanno aumentato il problema delle infezioni post-trapianto. Le cause della mortalità precoce sono la disfunzione dell'organo trapiantato e la sepsi. La mortalità tardiva è quasi esclusivamente dovuta alla sepsi. E' stata documentata nei pazienti settici una eccessiva risposta infiammatoria seguita da una ''paralisi'' dell'immunità cellulo-mediata. Nei soggetti trapianti sono presenti delle variazioni fisiopatologiche delle risposte immuni in conseguenza dell'azione degli immunosoppressori. Questo articolo pone la sua attenzione sugli effetti degli immunosoppressori e della sepsi sulle risposte immuni cellulo-mediate. Inoltre verranno presi in considerazione gli approcci più innovativi per quanto riguarda la terapia con agenti immunosoppressori durante le situazioni di disfunzione del sistema immune in corso di sepsi, come ad esempio la proteina C attiva umana, la dieta immunomodulatrice contenente L-arginina e oli di pesce, il blocco selettivo delle citochine, l'antagonismo selettivo del fattore di aggregazione piastrinico, il blocco del recettore LPS CD14 e del G-CSF. Molti di questi trattamenti non sono comunque ancora stati valutati realmente nei pazienti trapiantati. L'argomento principale di questo articolo, l'immunomodulazione durante sepsi nei bambini trapiantati, è speculativo e basato sulle strategie immunomodulatrici nei pazienti settici non trapiantati.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail