Home > Riviste > Minerva Pediatrica > Fascicoli precedenti > Minerva Pediatrica 2005 Ottobre;57(5) > Minerva Pediatrica 2005 Ottobre;57(5):243-58

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA PEDIATRICA

Rivista di Pediatria, Neonatologia, Medicina dell’Adolescenza
e Neuropsichiatria Infantile


Indexed/Abstracted in: CAB, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,532


eTOC

 

REVIEW  


Minerva Pediatrica 2005 Ottobre;57(5):243-58

lingua: Inglese

Liver cell transplantation

M. Najimi, E. Sokal


PDF  


Il trapianto di cellule epatiche è una procedura di recente introduzione che consiste nell'infusione di epatociti maturi di soggetti adulti nel sistema portale del ricevente. Lo scopo è quello di correggere le alterazioni congenite del metabolismo epatico, come ponte verso il trapianto nei pazienti instabili o come supporto per permettere il recupero in caso di disfunzioni epatiche fulminanti. Tale procedura è indirizzata idealmente ai pazienti con alterazioni congenite del metabolismo, instabili ma non in condizioni così gravi per presentare l'indicazione al trapianto ortotopico. I migliori risultati sono stati ottenuti nelle patologie metaboliche come nei disordini del ciclo dell'urea, nella glicogenosi tipo I, nella malattia di Crigler Naijar, nella malattia di Refsum e nel deficit del fattore VII. Può essere usata la criopreservazione degli epatociti, lasciando un intervallo temporale tra l'isolamento delle cellule ed il trapianto nel paziente. La percentuale di attecchimento raggiunge circa il 10% con espressione de novo dell'attività degli enzimi deficitari. I migliori risultati di attecchimento sono stati ottenuti negli studi animali medianti differenti tecniche fisiche e chimiche ma non ancora applicate agli uomini. Dal momento che la disponibilità delle cellule umane è limitata, la ricerca è anche indirizzata alla ricerca di altre fonti da cui ottenere cellule trapiantabili, come le cellule embrionali o le cellule staminali degli adulti o cellule progenitrici degli epatociti che possono essere coltivate in viro. In questo campo è necessaria una attenta progressione e la collaborazione tra differenti centri per rendere utilizzabili ulteriori tecniche per un uso clinico il più ampio possibile.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail