Home > Riviste > Minerva Pediatrica > Fascicoli precedenti > Minerva Pediatrica 2005 June;57(3) > Minerva Pediatrica 2005 June;57(3):137-42

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA PEDIATRICA

Rivista di Pediatria, Neonatologia, Medicina dell’Adolescenza
e Neuropsichiatria Infantile


Indexed/Abstracted in: CAB, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,532


eTOC

 

REVIEW  


Minerva Pediatrica 2005 June;57(3):137-42

lingua: Inglese

Acute encephalopathy associated with respiratory syncytial virus infections in childhood. A literature review

Antonucci R., Fanos V.


PDF  


I dati della letteratura indicano che il virus respiratorio sinciziale (VRS) rappresenta il più importante agente virale responsabile di infezioni respiratorie acute, in particolare bronchiolite e polmonite, in età pediatrica. Le infezioni più severe colpiscono i pazienti pediatrici di età inferiore a 6 mesi e alcune categorie di bambini ad alto rischio, che comprendono gli ex-prematuri e quelli affetti da chronic lung disease, cardiopatie congenite, fibrosi cistica e immunodeficienza. È stato segnalato che circa 1/3 dei pazienti pediatrici ad alto rischio ospedalizzati con infezione da VRS viene ricoverato nelle unità di terapia intensiva e che, nei pazienti pediatrici con preesistente cardiopatia o chronic lung disease, sono maggiori la necessità di ventilazione meccanica e il tasso di mortalità. La maggior parte dei pazienti pediatrici ospedalizzati per un'infezione del tratto respiratorio inferiore da VRS sviluppa una o più complicazioni, che hanno un impatto sulla durata della degenza ospedaliera e sui relativi costi. In pazienti pediatrici con infezione respiratoria da VRS è stata sporadicamente segnalata una complicazione relativamente rara, che consiste in convulsioni e altre manifestazioni neurologiche quali letargia, irritabilità e alterazioni del tono muscolare. L'associazione tra bronchiolite da VRS ed encefalopatia a espressione convulsiva è stata specificamente indagata in un recente studio. Tale transitoria complicazione neurologica sembra associarsi frequentemente ad anomalie elettroencelafografiche, ma non a danni anatomici cerebrali. Essendo scarse le conoscenze circa gli esiti neuroevolutivi a lungo termine nei pazienti pediatrici che sviluppano un'encefalopatia in corso di infezione respiratoria da VRS, è raccomandabile eseguire in tali soggetti un follow up neurologico di lunga durata.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail