Home > Riviste > Minerva Pediatrica > Fascicoli precedenti > Minerva Pediatrica 2004 October;56(5) > Minerva Pediatrica 2004 October;56(5):541-6

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA PEDIATRICA

Rivista di Pediatria, Neonatologia, Medicina dell’Adolescenza
e Neuropsichiatria Infantile


Indexed/Abstracted in: CAB, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,532


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Pediatrica 2004 October;56(5):541-6

Copyright © 2004 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Avvelenamenti nel primo anno di vita. Studio multicentrico

Marchi A. G., Renier S., Valent F.


PDF  


Obiettivo. Lo scopo di questo lavoro è la descrizione delle caratteristiche epidemiologiche e cliniche dell'avvelenamento nel 1° anno di vita.
Metodi. Nel 2001 è stato condotto uno studio prospettico multicentrico in 14 Pronto Soccorsi (PS) pediatrici, con registrazione delle caratteristiche epidemiologico-cliniche, valutazione dell'accidentalità o volontarietà delle esposizioni e delle conseguenze cliniche. I dati registrati nei pazienti nel 1° anno di vita sono stati confrontati con quelli dei pazienti nella fascia d'età compresa tra 1 e 4 anni.
Risultati. Dei 1026 casi registrati, 111 (10,8%) erano di età inferiore a 1 anno. L'esposizione è stata esclusivamente domestica e accidentale e, rispetto ai bambini di 1-4 anni, più spesso dovuta a errori dei parenti (38,7% dei casi rispetto al 7,3%) e determinata da veleni vegetali (22,5% rispetto al 7,3%). In 1/3 dei casi si è trattato di esposizione non tossica, in 1/3 il trattamento precoce ha evitato conseguenze cliniche; negli altri i sintomi sono stati lievi o moderati e in un solo caso gravi. Nessun bambino è deceduto. Un bambino su 3 è stato ricoverato, 2 su 3 dimessi direttamente dal PS (23,4%) o dopo osservazione temporanea (44,1%). Conclusioni. L'aumento di avvelenamenti nel 1° anno di vita riscontrato rispetto a precedenti studi multicentrici nonostante la relativa benignità merita attenzione. Si tratta, infatti, di eventi del tutto prevenibili mediante il miglioramento delle informazioni delle famiglie.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail