Home > Riviste > Minerva Pediatrica > Fascicoli precedenti > Minerva Pediatrica 2004 Febbraio;56(1) > Minerva Pediatrica 2004 Febbraio;56(1):119-22

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA PEDIATRICA

Rivista di Pediatria, Neonatologia, Medicina dell’Adolescenza
e Neuropsichiatria Infantile


Indexed/Abstracted in: CAB, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,532


eTOC

 

CASI CLINICI  


Minerva Pediatrica 2004 Febbraio;56(1):119-22

lingua: Italiano

Scrofuloderma. Un caso clinico

Forgione P., Nunzi E., Cavalchini A., Clapasson A., Piccirillo F., Langella M., Raimondo U., Vendemmia S.


PDF  


Lo scrofuloderma è una forma di tubercolosi cutanea colliquativa da diffusione di un sottostante focolaio, il più delle volte rappresentato da linfonodi; anche localizzazioni tubercolari osteoarticolari o dell'epididimo possono sfociare in un interessamento cutaneo ulcerativo.
Riferiamo di un soggetto di 12 anni, di sesso femminile, giunto in Italia da 15 giorni proveniente dal Marocco. In regione claveare sinistra presenta una lesione ulcerata con linfonodi palpabili al corrispondente lato del collo. L'esame istopatologico di un linfonodo interessato deponeva per una micobatteriosi; veniva posta la diagnosi differenziale tra infezione da micobatteri del gruppo MAIS (M. avium, M. intracellulare, M. scrofulaceum) e tubercolosi. La ricerca batteriologica nel linfonodo di Bacilli alcool-acido resistenti dava esito negativo, mentre l'esame colturale e la Protein Chain Reaction identificavano il M. tuberculosis.
La paziente era sottoposta a terapia combinata a base di rifampicina, isoniazide, etambutolo e pirazinamide.
Attualmente, la tubercolosi costituisce un importante problema di sanità pubblica nei paesi in via di sviluppo. Nei Paesi occidentali, da più tempo aperti all'immigrazione, quale ad esempio il Regno Unito, lo scrofuloderma è presente con maggiore prevalenza negli immigrati dall'Asia e Africa; in queste popolazioni immigrate questa forma tubercolare interessa un'ampia fascia di età compresa tra i 10 e i 50 anni. Tra la popolazione autoctona inglese la maggiore incidenza compare nei soggetti con età superiore i 50 anni di età.
L'immigrazione extracomunitaria ha contribuito anche in Italia, in ritardo rispetto ad altri Paesi occidentali, a far tornare di attualità la tubercolosi che nei decenni passati era ritenuta erroneamente scomparsa.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail