Home > Riviste > Minerva Pediatrica > Fascicoli precedenti > Minerva Pediatrica 2004 February;56(1) > Minerva Pediatrica 2004 February;56(1):91-6

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA PEDIATRICA

Rivista di Pediatria, Neonatologia, Medicina dell’Adolescenza
e Neuropsichiatria Infantile


Indexed/Abstracted in: CAB, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,764


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Pediatrica 2004 February;56(1):91-6

Copyright © 2004 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Reflusso gastro-esofageo primario e secondario in età pediatrica

Ottolenghi A., Camoglio F. S., Valletta E., Giacomello L., Pasquini A.


PDF  


Obiettivo. In questo studio sono stati presi in considerazione pazienti trattati in età pediatrica per: a) reflusso gastro-esofageo (RGE) «primario»; b) RGE «secondario» a rallentato svuotamento gastrico (da stenosi ipertrofica del piloro, cerebropatia ecc.); c) alcune anomalie congenite che sembrano predisporre al RGE in età infantile.
Metodi. Nel corso del 2002, sono stati sottoposti a check up 21 lattanti o bambini operati per RGE «primario» o «secondario» e 62 pazienti operati per atresia esofagea, ernia diaframmatica o difetti della parete ventrale per valutare l'incidenza e l'evoluzione di eventuali RGE postoperatori.
Risultati. I pazienti con RGE «primario» hanno avuto un tasso di recidive, dopo fundoplicatio parziale o totale, pari al 14%; tutti i pazienti con RGE «secondario» sottoposti a fundoplicatio, di norma associata, in questi soggetti, a piloroplastica, non hanno manifestato alcuna recidiva post-operatoria. Un bambino sottoposto all'intervento di Bianchi ha sviluppato una gastrite erosiva. Vari gradi di RGE si sono sviluppati nel 43% degli operati per atresia esofagea, nel 35% degli operati per ernie diaframmatiche congenite e nello 0% degli operati per difetti della parete ventrale. Nel 90% dei RGE insorti dopo il trattamento dell'atresia esofagea e nel 100% dei RGE diagnosticati negli ex portatori di un difetto diaframmatico (per lo più di tipo «acquisito») la terapia medica è stata sufficiente a controllare la malattia.
Conclusioni. Gli Autori ritengono che: a) la relativamente alta percentuale di recidive dopo fundoplicatio per RGE «primario» può essere riferita a un non corretto inquadramento nosologico di parte della casistica (RGE «secondari» considerati ­ e trattati ­ come «primari» negli anni '70 e '80?); b) la fundoplicatio associata a interventi atti a migliorare lo svuotamento gastrico (ad esempio la piloroplastica) può assicurare risultati eccellenti nei RGE «secondari»; c) l'atresia esofagea e l'ernia diaframmatica congenita (non i difetti puri della parete ventrale) possono accompagnarsi a un RGE che risponde quasi sempre a una terapia conservativa.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail