Home > Riviste > Minerva Pediatrica > Fascicoli precedenti > Minerva Pediatrica 2003 June;55(3) > Minerva Pediatrica 2003 June;55(3):283-8

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA PEDIATRICA

Rivista di Pediatria, Neonatologia, Medicina dell’Adolescenza
e Neuropsichiatria Infantile


Indexed/Abstracted in: CAB, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,532


eTOC

 

CASI CLINICI  


Minerva Pediatrica 2003 June;55(3):283-8

Copyright © 2003 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese, Italiano

Ernia diaframmatica congenita di Bochdalek ad esordio tardivo. Descrizione di un caso

Carlucci A., Bianchi A., Pace F., De Cesaris V., Cupaioli M., Lelli Chiesa P.


PDF  


Gli Autori presentano il caso di un paziente di 1 mese giunto a ricovero per improvvisa crisi di pallore accompagnata a scarsa reattività, tachicardia e polipnea; la sintomatologia attenuatasi in seguito alla detensione dell'addome, si riaccende con i segni di compromissione dello stato generale e dello scompenso respiratorio. L'Rx torace mostra erniazione delle anse intestinali in cavità toracica. È necessario, dopo i primi trattamenti rianimatori, trattare il neonato con HFO e cardiocinetici per diverse ore prima di raggiungere la stabilizzazione dell'indice ossigenativo (I.O.) e del circolo.
L'ernia diaframmatica congenita a presentazione tardiva (EDT) è una condizione morbosa che può esordire in prima o seconda infanzia, con una sintomatologia di tipo respiratorio e/o addominale, ingravescente o intermittente. La prognosi è buona a patto che la diagnosi sia posta tempestivamente, e si valuti come è necessaria la stabilizzazione del paziente preintervento non solo in base all'I.O. ma anche alle condizioni del circolo.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail