Home > Riviste > Minerva Pediatrica > Fascicoli precedenti > Minerva Pediatrica 2003 June;55(3) > Minerva Pediatrica 2003 June;55(3):231-42

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA PEDIATRICA

Rivista di Pediatria, Neonatologia, Medicina dell’Adolescenza
e Neuropsichiatria Infantile


Indexed/Abstracted in: CAB, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,532


eTOC

 

  INFANT FORMULAS


Minerva Pediatrica 2003 June;55(3):231-42

lingua: Inglese

Zinc absorption by infants

Griffin I. J., Abrams S. A.


PDF  


Lo zinco costituisce un minerale di estrema importanza nel regime alimentare dell'uomo e i rari casi di manifesta carenza di zinco sono stati accuratamente descritti sia nei nati a termine che nei nati pretermine. Sono state sviluppate diverse metodiche per la valutazione dell'assorbimento, del deposito e del bilancio dello zinco nell'uomo, mediante la determinazione del bilancio della massa (bilancio metabolico) oppure mediante tecniche di studio basate sull'isotopo stabile. Le diverse metodiche presentano differenti vantaggi e svantaggi. Sono molteplici gli studi che hanno utilizzato queste metodiche per esaminare l'assorbimento dello zinco nei nati a termine e nei nati pretermine.
Per quanto riguarda i nati pretermine, l'interesse degli studi si è concentrato sul tentativo di stabilire se diete differenti siano in grado di determinare un bilancio positivo dello zinco; inoltre, sono stati presi in considerazione i tassi di accrescimento in utero. I primi risultati ottenuti hanno destato una certa preoccupazione, in quanto hanno suggerito che i nati pretermine potevano presentare un bilancio dello zinco negativo per periodi prolungati dopo la nascita. Studi eseguiti successivamente si sono rivelati essere più contradditori e, tuttora, stando a ciò che si legge in letteratura, non è chiaro quanto zinco siano in grado di assorbire i nati pretermine nel corso del 1° periodo di vita. Non è nemmeno chiaro se uno scarso assorbimento di zinco durante questo periodo determini conseguenze a lungo termine.
Gli studi condotti sui nati a termine hanno suggerito che il bilancio negativo dello zinco non persista per un periodo di tempo così lungo. In generale, i parametri di assorbimento sono in linea con quelli utilizzati dall'Institute of Medicine nella più recente edizione del Dietary Reference Intakes. Altri studi sono stati eseguiti con lo scopo di determinare l'effetto delle modificazioni della formula di composizione sull'assunzione di zinco (per esempio in presenza o in assenza di lattosio, con contenuti di zinco elevati oppure bassi, ecc.).
Tuttavia, sebbene siano stati condotti almeno 20 studi sull'assorbimento dello zinco nei neonati, molte problematiche importanti dal punto di vista della fisiologia rimangono senza risposta, specialmente per quanto riguarda i nati pretermine.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail