Home > Riviste > Minerva Pediatrica > Fascicoli precedenti > Minerva Pediatrica 2003 April;55(2) > Minerva Pediatrica 2003 April;55(2):175-80

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA PEDIATRICA

Rivista di Pediatria, Neonatologia, Medicina dell’Adolescenza
e Neuropsichiatria Infantile


Indexed/Abstracted in: CAB, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,532


eTOC

 

CASI CLINICI  


Minerva Pediatrica 2003 April;55(2):175-80

Copyright © 2003 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Displasia cistica della rete testis associata ad agenesia renale omolaterale. Descrizione di un caso clinico

Cimador M., Rosone G., Castagnetti M., Libri M., Bertozzi M., Lima M., De Grazia E.


PDF  


La displasia cistica della rete testis è una rara anomalia spesso associata all'agenesia omolaterale del rene. Questa malformazione è dovuta ad una anomalia dello sviluppo del dotto mesonefrico che è la causa sia della dilatazione della rete testis che dell'agenesia renale. In questo lavoro illustriamo un caso di questa rara malformazione che presenta tutte le caratteristiche segnalate nella pregressa letteratura.
Un maschio di 3 anni e 4 mesi d'età fu esaminato per una massa scrotale sinistra asintomatica; per tale ragione fu sottoposto ad una ecografia che mostrò una dilatazione multipla cistica e tubulare della rete testis, associata con l'assenza del rene omolaterale sinistro. Tale assenza fu confermata dalla scintigrafia renale MAG-3. La diagnosi fu ulteriormente validata dalla biopsia testicolare. Il paziente non fu sottoposto ad alcun intervento chirurgico e si trova tuttora sotto osservazione; il follow-up a 2 anni non mostra alcun sintomo correlato.
Poiché l'anomalia congenita ha caratteristiche di benignità, in accordo con altri Autori, noi riteniamo che sia da seguire il trattamento conservativo, consigliando comunque un monitoraggio seriato ecografico della massa scrotale, la quale solo in un follow-up a lungo termine può richiedere il ricorso alla chirurgia. Non sono mai stati descritti casi di infertilità o di trasformazione maligna correlati con l'anomalia descritta.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail