Home > Riviste > Minerva Pediatrica > Fascicoli precedenti > Minerva Pediatrica 2002 October;54(5) > Minerva Pediatrica 2002 October;54(5):401-14

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA PEDIATRICA

Rivista di Pediatria, Neonatologia, Medicina dell’Adolescenza
e Neuropsichiatria Infantile


Indexed/Abstracted in: CAB, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,532


eTOC

 

REVIEW  


Minerva Pediatrica 2002 October;54(5):401-14

lingua: Inglese

Urinary tract infection in childhood. Review of guidelines and recommendations

Pattaragarn A., Alon U. S.


PDF  


I pazienti di età pediatrica portatori di un'infezione delle vie urinarie rappresentano tuttora una parte rilevante dell'attività pediatrica. Le tecniche di radiodiagnostica urologica di più recente introduzione, quali la scintigrafia corticale con isotopi radioattivi e l'ecografia eseguita in epoca prenatale, hanno migliorato le nostre conoscenze in tema di eziologia, efficacia terapeutica e risultati a distanza ottenuti nei piccoli pazienti. È evidente che la maggior parte dei reni a rischio sono quelli che hanno già sostenuto un danno a livello intrauterino, secondario a un'ostruzione delle vie escretrici o a un reflusso vescico-ureterale. Spetta al pediatra il compito di ridurre al minimo il danno di origine uterina, secondario all'infezione delle vie urinarie, attraverso una diagnosi precoce e un trattamento corretto. L'introduzione di nuovi e più efficaci farmaci antibatterici per uso orale limita la necessità di ospedalizzazione ai soli pazienti di età più bassa e a quelli più gravemente ammalati. Mentre ancora discusso è il ruolo dell'ecografia renale di routine e della scintigrafia corticale, tutti i bambini più piccoli e alcuni di quelli più grandicelli debbono essere sottoposti a una cistografia al fine di evidenziare un possibile reflusso vescico-ureterale. In presenza di reflusso vescico-ureterale, la maggior parte dei piccoli pazienti va sottoposta a una profilassi antibiotica a lungo termine, mentre in alcuni può essere necessario l'intervento chirurgico correttivo. È pure indicato sottoporre a indagini volte a evidenziare un possibile reflusso i piccoli fratelli o sorelle dei pazienti affetti dalla medesima patologia. Il presente lavoro esamina queste e altre linee guida nonché le raccomandazioni in tema di diagnosi e trattamento delle infezioni delle vie urinarie nei pazienti di età pedia-trica alle soglie del terzo millennio.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail