Home > Riviste > Minerva Pediatrica > Fascicoli precedenti > Minerva Pediatrica 2002 June;54(3) > Minerva Pediatrica 2002 June;54(3):203-10

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA PEDIATRICA

Rivista di Pediatria, Neonatologia, Medicina dell’Adolescenza
e Neuropsichiatria Infantile


Indexed/Abstracted in: CAB, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,764


eTOC

 

REVIEW  


Minerva Pediatrica 2002 June;54(3):203-10

Copyright © 2002 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Le proteine nei latti per lattanti. Quali e in che misura?

Fanaro S., Vigi V.


PDF  


La quantità e la qualità ideale delle proteine nei latti per lattanti rimane ancora oggetto di discussione. Nella maggior parte dei latti formulati in commercio, la concentrazione proteica è compresa fra 1,4 e 1,8 g/100 ml. Il valore più basso di tale intervallo appare quello più vicino alle effettive esigenze del lattante. L'impiego di concentrazioni proteiche ancora più basse, ossia 1,2 g/100 ml (circa 1,8 g/100 kcal), necessita di una più ampia validazione clinica. Manca inoltre la chiara dimostrazione di reali e concreti vantaggi per il lattante. Di notevole interesse appaiono gli interventi sul piano qualitativo recentemente realizzati. L'eliminazione della frazione sieroproteica del glicomacropeptide (GMP), con la conseguente normalizzazione degli apporti di treonina al lattante, appare un approccio valido nella realizzazione di latti formulati sempre più vicini al modello del latte di donna.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail