Home > Riviste > Minerva Pediatrica > Fascicoli precedenti > Minerva Pediatrica 2001 August;53(4) > Minerva Pediatrica 2001 August;53(4):285-96

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA PEDIATRICA

Rivista di Pediatria, Neonatologia, Medicina dell’Adolescenza
e Neuropsichiatria Infantile


Indexed/Abstracted in: CAB, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,532


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Pediatrica 2001 August;53(4):285-96

Copyright © 2001 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Valutazione del pensiero creativo. Metodologie a confronto

Caponetto C., Di Napoli R., Roccella M.


PDF  


Obiettivo. Verificare l'attendibilità della valutazione del pensiero originale mediante prove verbali, caratterizzate da enunciati complessi, elaborate e standardizzate in riferimento a contesti socioculturali differenziati.
Metodi. Le analisi sono state condotte sulla produzione linguistica di 116 soggetti che frequentavano la 4a e 5a classe della scuola elementare, in risposta alla I attività verbale del TTCT. Per la valutazione della produzione italiana sono stati considerati come unità-base, i morfemi e le frasi. Sono stati calcolati valori percentuali relativi alla frequenza di frasi, morfemi e funzioni grammaticali. Si è proceduto quindi ad una serie di confronti incrociati tra i valori percentuali emersi, i morfemi risultati unici, quelli presenti solo due volte, così come tutte le frasi caratterizzate dalla presenza delle suddette tipologie di parole.
Risultati. La valutazione secondo TTCT: la percentuale (41,91%) sembra essere a favore di un'originalità diffusa nella produzione fraseologica del nostro campione. Riguardo la valutazione di frasi uniche sulla base del criterio della frequenza statistica è risultato che il 93,39% e l'83,91% rispettivamente delle frasi-type e della produzione fraseologica complessiva, e, costituito da frasi uniche. Originalità: le frasi del campione italiano risultano altamente originali. Analisi delle frasi che contengono parole sia uniche che doppie: la valutazione dell'Originalità, secondo le norme di Torrance non ha avuto un adeguato riscontro nel nostro campione.
Analisi funzionale: ha evidenziato che il 23,17 e il 41,67% delle produzioni uniche assolve rispettivamente alle funzioni di verbo e di sostantivo; le uniche analogie presenti al confronto tra le produzioni americane e italiane sono emerse alle analisi condotte secondo il criterio delle funzioni grammaticali delle parole.
Conclusioni. I dati emersi mettono in discussione l'uso di reattivi a contenuto verbale le cui soluzioni ideative siano enunciati linguistici articolati e complessi, validati su popolazioni diverse, per strutture lessicali e contesto di riferimento, da quelle sulle quali sono stati individuati e costruiti i criteri normativi. È pertanto possibile che il livello più elevato di Originalità riscontrato nella produzione linguistica italiana al confronto con quella americana, sia legato a modalità creative di pensiero riconducibili a stili culturali.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail