Home > Riviste > Minerva Pediatrica > Fascicoli precedenti > Minerva Pediatrica 2001 Giugno;53(3) > Minerva Pediatrica 2001 Giugno;53(3):189-98

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA PEDIATRICA

Rivista di Pediatria, Neonatologia, Medicina dell’Adolescenza
e Neuropsichiatria Infantile


Indexed/Abstracted in: CAB, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,532


eTOC

 

REVIEW  


Minerva Pediatrica 2001 Giugno;53(3):189-98

lingua: Inglese

Exposure to violence and victimization and the use of violence by adolescents in the United States

Champion H. L. O., Durant R. H.


PDF  


La violenza da parte degli adolescenti negli Stati Uniti è un fenomeno in crescita. Nonostante una diminuzione dei tassi di violenza e morte da armi da fuoco, le ferite da arma da fuoco sono la seconda principale causa di morte tra gli Americani di età compresa tra i 15 ed i 24 anni e la terza causa di morte tra i bambini di età compresa tra i 10 ed i 14 anni. Anche se ci sono numerosi fattori correlati con l'uso della violenza da parte dei giovani, l'esposizione alla violenza ed alla vittimizzazione sono sempre stati un fattore di previsione compatibile con il ricorso alla violenza, cosii come l'intenzione di usare la violenza, di portare una pistola, ed avere la predisposizione all'uso della violenza ed al comportamento aggressivo nel risolvere i contrasti. Le famiglie degli adolescenti, gli amici, i vicini, le scuole ed i giornali sono una fonte costante di esposizione e di vittimizzazione correlate all'uso della violenza. La trasmissione culturale di teorie comportamentali devianti stabilisce una intelaiatura per capire l'influenza dell'esposizione alla violenza ed alla vittimizzazione da parte di queste fonti sull'uso della violenza da parte degli adolescenti.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail