Home > Riviste > Minerva Pediatrica > Fascicoli precedenti > Minerva Pediatrica 2001 Febbraio;53(1) > Minerva Pediatrica 2001 Febbraio;53(1):7-14

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA PEDIATRICA

Rivista di Pediatria, Neonatologia, Medicina dell’Adolescenza
e Neuropsichiatria Infantile


Indexed/Abstracted in: CAB, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,532


eTOC

 

ARTICOLI SPECIALI  


Minerva Pediatrica 2001 Febbraio;53(1):7-14

lingua: Inglese, Italiano

Piede piatto, cavo, indicatori di obesità e sovrappeso in una popolazione di allievi di scuola elementare

Bordin D., De Giorgi G., Mazzocco G., Rigon F.


PDF  


Obiettivo. L'obesità e il sovrappeso in età evolutiva sono correlati ad alcuni dismorfismi del piede, in particolare col piede piatto.
Metodi. Gli Autori hanno valutato l'incidenza di questo dismorfismo in una popolazione di 243 allievi della scuola elementare, (III e IV classe; range di età 8-10 anni) dell'ULSS n. 16 Padova, determinandone nel contempo l'indice di sovrappeso e obesità, l'entità e la qualità dell'attività motoria praticata.
Dai dati antropometrici rilevati è stato calcolato l'indice di Cole (rapporto tra il BMI Ideale al 50° percentile del peso e altezza in funzione dell'età del sesso e il BMI reale). È stato eseguito un esame foto-podoscopico in stazione bipodalica, l'analisi del referto è stata eseguita su fotografia polaroid in un secondo momento.
Risultati. L'incidenza del piede piatto nella popolazione studiata è risultata del 16,4%, di cui il 18,1% nei maschi e il 14,6% nelle femmine. Il 50% presentava un piattismo lieve (I grado), il 28% moderato (II grado), il 22% presentava un piattismo molto marcato (III grado). La frequenza di obesità e sovrappeso nella stessa popolazione è risultata del 27,3% (indice di Cole >120). L'analisi della varianza ha mostrato una differenza significativa tra indice di Cole in soggetti affetti da piede piatto (121,77±19,2) e il resto della popolazione esaminata (110,12±15,3) (p<0,00001).
Conclusioni. I bambini affetti da questo dismorfismo risultano anche da questa ricerca molto spesso obesi o in sovrappeso.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail