Home > Riviste > Minerva Pediatrica > Fascicoli precedenti > Minerva Pediatrica 2000 May-June;52(5-6) > Minerva Pediatrica 2000 May-June;52(5-6):281-8

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA PEDIATRICA

Rivista di Pediatria, Neonatologia, Medicina dell’Adolescenza
e Neuropsichiatria Infantile


Indexed/Abstracted in: CAB, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,532


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Pediatrica 2000 May-June;52(5-6):281-8

Copyright © 2000 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese, Italiano

Le cefalee negli ambulatori di base di pediatria e neuropsichiatria infantile. Studio pilota

Donfrancesco R., La Rosa S., Romagnoli C., Lo Parrino R.


PDF  


Obiettivo. Questo lavoro si propone di valutare la prevalenza delle cefalee negli ambulatori territoriali dedicati all'infanzia (pediatria di base, neuropsichiatria infantile), specificando eventuali differenze tra aree di assistenza, evidenziando la possibilità di cefalee significative non rivelate al medico e le caratteristiche cliniche dei casi affluiti.
Metodi. L'indagine viene condotta somministrando un questionario a tutti i pazienti consecutivi di tre ambulatori di Neuropsichiatria infantile durante 20 giorni ed a tutti quelli di due ambulatori di pediatria di base durante 10 giorni. Vengono così raccolti dati su 259 bambini di età compresa tra 5 e 14 anni.
Risultati. Il 17,76% di tutti i bambini studiati presenta una cefalea ricorrente. Vi è tuttavia una differenza significativa (p<0,05) tra neuropsichiatria infantile (22,78%) e pediatria di base (9,90%). Il 63,04% dei genitori di bambini cefalalgici non hanno mai parlato con un medico della patologia del figlio ed il 28,26% dei soggetti con cefalea dovrebbe eseguire una terapia preventiva ma non la effettua. Il 6,56% di tutto il campione presenta emicrania e l'8,49% cefalea tensiva, secondo i criteri ICD-10.
Conclusioni. La maggiore frequenza di cefalee negli ambulatori di neuropsichiatria infantile è probabilmente dovuta alla elevata comorbidità di queste con la patologia psichiatrica. L'elevato numero di cefalee non dichiarate al medico conferma i dati della letteratura sugli adulti e suggerisce l'importanza dell'inserimento di domande standard riferite alla cefalea durante la raccolta anamnestica effettuata in tutti gli ambulatori di base operanti per l'infanzia.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail