Home > Riviste > Minerva Pediatrica > Fascicoli precedenti > Minerva Pediatrica 2000 April;52(4) > Minerva Pediatrica 2000 April;52(4):215-26

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA PEDIATRICA

Rivista di Pediatria, Neonatologia, Medicina dell’Adolescenza
e Neuropsichiatria Infantile


Indexed/Abstracted in: CAB, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,532


eTOC

 

REVIEW  


Minerva Pediatrica 2000 April;52(4):215-26

lingua: Italiano

Le allergie alimentari nella prima infanzia (1. Concetti generali, eziopatogenesi e principali quadri clinici)

Vigi V., Fanaro S.


PDF  


Le allergie alimentari rappresentano un evento piuttosto comune durante la prima infanzia.
In particolare, l'allergia alle proteine del latte vaccino interessa il 2,5% dei lattanti. La patogenesi dell'allergia alimentare riconosce sia forme IgE che non IgE mediate. Le prime sono in genere ad andamento acuto e più facilmente diagnosticabili.
Le forme non IgE mediate hanno invece più spesso andamento subacuto o cronico e sono di più difficile inquadramento. L'espressione clinica è variabile ed interessa per lo più l'apparato gastrointestinale, quello respiratorio e la cute. La maggior parte dei casi di allergia alimentare riconosce, come evento scatenante, l'assunzione di alimenti quali latte vaccino, uova, prodotti ittici, arachidi.
La maggior parte dei bambini con allergia al latte acquisisce la tolleranza entro il III anno di vita. L'eliminazione degli antigeni responsabili dalla dieta rappresenta l'unica misura terapeutica realmente efficace. Nella prima parte di questa rassegna vengono trattati i meccanismi eziopatogenetici e viene discusso l'inquadramento delle diverse forme cliniche.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail