Home > Riviste > Minerva Pediatrica > Fascicoli precedenti > Minerva Pediatrica 2000 January-February;52(1-2) > Minerva Pediatrica 2000 January-February;52(1-2):7-14

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA PEDIATRICA

Rivista di Pediatria, Neonatologia, Medicina dell’Adolescenza
e Neuropsichiatria Infantile


Indexed/Abstracted in: CAB, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,764


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Pediatrica 2000 January-February;52(1-2):7-14

Copyright © 1999 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese, Italiano

Risultati a distanza del reflusso vescico-ureterale trattato con iniezione subureterale di collagene (SCIN)

De Grazia E., Cimador M.


PDF  


Obiettivo. L'iniezione endoscopica subureterale per il trattamento del reflusso vescico-ureterale è al momento una tecnica ampiamente usata ed accettata e la sua efficacia varia dal 50 al 90% in relazione ai diversi gradi di reflusso. In questo articolo presentiamo i risultati della nostra esperienza relativa all'iniezione subureterale di collagene dopo un periodo di follow-up variabile da 1 a 7 anni.
Metodi. Nel periodo 1991-1997 abbiamo trattato con questa tecnica 129 ureteri refluenti in 93 bambini di età media di 2,1 anni. Il 32,5% era affetto da RVU di II grado, il 48,8% di III grado ed il 18,6 di IV grado. Tutti i bambini sono stati trattati con iniezione di collagene bovino altamente purificato e sono stati sottoposti a follow-up cistografico in un periodo di tempo variabile da 1 a 7 anni.
Risultati. I risultati dimostrano una percentuale di guarigioni complessiva pari al 73,6%, con un tasso di recidive pari al 16,8%. Nei diversi gradi si è registrata la guarigione nel 90% dei casi nel II grado, nell'87,3% nel III grado e del 75% nel IV grado. Nel 15,5% dei casi si è dovuti ricorrere al reimpianto a cielo aperto sec. Cohen.
Conclusioni. In conclusione, se analizziamo i risultati complessivi vediamo che il 73,6% di ureteri refluenti è guarito dopo SCIN, che il tasso di recidive è pari al 16,8% e che il 15,5% alla fine hanno richiesto una correzione chirurgica a cielo aperto. Mettendo i risultati in rapporto con i diversi gradi di reflusso, possiamo notare due opposte tendenze: da una parte vi è la diminuzione delle guarigioni all'aggravarsi del grado di reflusso, dall'altro vi è un aumento delle recidive passando dal II al IV grado.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail