Home > Riviste > Minerva Pediatrica > Fascicoli precedenti > Minerva Pediatrica 1999 November-December;51(11-12) > Minerva Pediatrica 1999 November-December;51(11-12):367-74

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA PEDIATRICA

Rivista di Pediatria, Neonatologia, Medicina dell’Adolescenza
e Neuropsichiatria Infantile


Indexed/Abstracted in: CAB, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,532


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Pediatrica 1999 November-December;51(11-12):367-74

lingua: Inglese, Italiano

La tossina botulinica tipo A nel trattamento della spasticità in età evolutiva

Roccella M.


PDF  


Obiettivo. L'ipertonia spastica con o senza atetosi costituisce la principale causa di compromissione delle funzioni motorie. Tra i trattamenti attuali per questa condizione è previsto l'impiego della tossina botulinica di tipo A che permette di diminuire la spasticità e migliorare il controllo del movimento riducendo l'incidenza e la gravità delle contratture.
Metodi. In questo studio è stato valutato il trattamento della spasticità con tossina botulinica A in un gruppo di 18 soggetti in età evolutiva.
Per ogni caso, prima del trattamento e durante il follow-up, sono stati praticati un esame obiettivo generale, un esame neurologico, una videoregistrazione ed è stata somministrata la Physician Rating Scale (PRS) per la valutazione dell'andatura ed ampiezza del movimento articolare.
Risultati. Dieci soggetti hanno mostrato una notevole riduzione dell'ipertonia e delle contratture, miglioramenti della deambulazione e della sintomatologia dolorosa. In otto casi si è osservato un lieve miglioramento; solo in 1 caso si è verificata un'ipostemia temporanea.
La sensibilità del soggetto alla tossina può essere indagata nel tempo, con l'inoculazione di tossina in un muscolo distale non colpito e successiva valutazione clinica o elettromiografica dell'effetto; ciò permette di evidenziare lo sviluppo di una resistenza dopo ripetute somministrazioni.|Conclusioni. Risulta interessante la valutazione del vissuto di malattia in questi soggetti e nei loro genitori e come l'utilizzo della tossina botulinica possa interferire positivamente su di esso.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail