Home > Riviste > Minerva Pediatrica > Fascicoli precedenti > Minerva Pediatrica 1999 May;51(5) > Minerva Pediatrica 1999 May;51(5):145-8

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA PEDIATRICA

Rivista di Pediatria, Neonatologia, Medicina dell’Adolescenza
e Neuropsichiatria Infantile


Indexed/Abstracted in: CAB, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,532


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Pediatrica 1999 May;51(5):145-8

lingua: Italiano

Utilità del follow-up a lungo termine nei pazienti operati per criptorchidismo

Schiavon G. C., Bastasin F., Carmignola G., Zoppellaro F., Marzaro M., Ferro M., Nuzzo A., Perrino G.


PDF  


Obiettivo. Criptorchidismo, ectopia testicolare e testicolo retrattile sono patologie diverse in cui la prognosi varia considerevolmente da uno all'altra. Infatti la valutazione di questi pazienti effettuata mediante lo spermiogramma risulta alterata nei criptorchidi bilaterali piuttosto che negli ectopici, in considerazione del fatto che sono presenti danni tubulari nel criptorchidismo vero e non nell'ectopia testicolare. Ciò non significa, d'altro canto, che esista una correlazione diretta fra età del paziente all'intervento chirurgico e fertilità futura.
Metodi. 171 pazienti operati presso la Divisione Clinicizzata di Chirurgia Pediatrica dell'Ospedale Regionale di Treviso per criptorchidismo o ectopia testicolare negli anni 1974-1983 sono stati sottoposti all'età di 18 anni a valutazione clinica, dosaggio ormonale (testosterone e gonadotropine dopo stimolo con GnRH) ed a uno spermiogramma.
Risultati e conclusioni. Il nostro studio non si discosta dalla media per quanto attiene i dosaggi ormonali e i risultati dello spermiogramma, sottolinea l'utilità del follow-up a lungo termine dei pazienti operati per criptorchidismo per avere una corretta valutazione ormonale e della fertilità, e la necessità, ove si ritenga necessario, di inserire anche una valutazione psicologica del paziente.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail