Ricerca avanzata

Home > Riviste > Minerva Pediatrica > Fascicoli precedenti > Minerva Pediatrica 1999 Marzo;51(3) > Minerva Pediatrica 1999 Marzo;51(3):53-6

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI   eTOC

ULTIMO FASCICOLOMINERVA PEDIATRICA

Rivista di Pediatria, Neonatologia, Medicina dell’Adolescenza
e Neuropsichiatria Infantile

Indexed/Abstracted in: CAB, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,532

Periodicità: Bimestrale

ISSN 0026-4946

Online ISSN 1827-1715

 

Minerva Pediatrica 1999 Marzo;51(3):53-6

 ARTICOLI ORIGINALI

Escrezione urinaria di calcio in una popolazione infantile del sud Italia

Nuzzo V., Fittipaldi M. R., Fonderico F., Esposito Del Puente A., Russo D., Del Puente A., Pagliuca A., Vitale G., Caserta A., Lupoli G.

Obiettivo. L'escrezione urinaria di calcio può essere determinata con la valutazione del rapporto calciuria/creatininuria (Cau/Crea) in un campione estemporaneo delle seconde urine emesse di mattino.
Metodi. In un gruppo di 122 soggetti (66 femmine e 56 maschi) con età media di 108,13±18,73 mesi, provenienti da una scuola del comune di Nocera Superiore (SA), sono stati valutati i seguenti parametri: sesso, età, peso, altezza, IMC (peso/altezza2), escrezione urinaria di calcio e creatinina su un campione estemporaneo delle urine. Il rapporto Uca/cr non risultava essere normalmente distribuito nella popolazione scolare. La trasformazione logaritmica era utilizzata nell'analisi dei dati.
Risultati. I livelli medi del rapporto calcio urinario/creatinina risultavano essere 0,125±0,102 mg/mg. Dall'analisi dei dati è emerso che il rapporto Cau/Crea mostrava una significativa relazione con il sesso. Infatti, nelle bambine sono stati rilevati valori più alti del rapporto Cau/Crea rispetto ai maschi. I valori di Cau/Crea erano pari a 0,102±0,083 mg/mg nei maschi e pari a 0,144±0,113 mg/mg nelle femmine («t»-test p<0,05). Non venivano rilevate correlazioni significative con gli altri indici considerati, quali età, altezza, peso e IMC.
Conclusioni. In conclusione l'ampia variazione del rapporto Cau/Crea esistente in differenti popolazioni e in rapporto all'età ed al sesso, richiede che siano creati appositi intervalli di riferimento differenti secondo le diverse popolazioni e distinti per età e sesso.

lingua: Italiano


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina