Home > Riviste > Minerva Ortopedica e Traumatologica > Fascicoli precedenti > Minerva Ortopedica e Traumatologica 2014 August;65(4) > Minerva Ortopedica e Traumatologica 2014 August;65(4):255-63

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA ORTOPEDICA E TRAUMATOLOGICA

Rivista di Ortopedia e Traumatologia


Official Journal of the Piedmontese-Ligurian-Lombard Society of Orthopedics and Traumatology
Indexed/Abtracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Ortopedica e Traumatologica 2014 August;65(4):255-63

Copyright © 2014 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Il cotile ritentivo nel paziente anziano con frattura del collo femorale: la nostra esperienza con 458 impianti

Devecchi A., Truong Q. T., Serracchioli R., Ghiggio P.

Ospedale Civile di Ivrea - ASLTO4, Ivrea, Italia


PDF  


OBIETTIVO: Dopo un breve esame della letteratura in merito all’uso di cotili ritentivi, prenderemo in esame la nostra esperienza con questi cotili nel paziente anziano che presenta frattura del collo femorale, mostrando i vantaggi di questo tipo di impianto.
METODI: Abbiamo preso in esame i pazienti con età maggiore o uguale a 80 anni con frattura del collo femorale, trattati con cotile ritentivo monoblocco cementato Lefevre (Groupe Lepine, Genay, France) nel periodo compreso tra il 2003 e il 2011. Abbiamo impiantato 458 di cotili ritentivi in 443 pazienti. L’età media dei pazienti è risultata di 86,2 anni (80-101 anni). Il rapporto maschi femmine di 1 a 4.
RISULTATI: La mortalità a 1 anno è risultata del 38,5%, a 5 anni del 59,1%. Le complicanze riscontrate sono state le seguenti: 6 lussazioni (1,4%), 3 scollamenti protesici asettici (0,7%), 3 infezioni (0,7%). Nella nostra esperienza questo tipo impianto ha mostrato di essere sicuro. Il cotile ritentivo ha diminuito il numero di lussazioni in questo particolare gruppo di pazienti spesso soggetti a delirium postoperatorio, nel contempo non abbiamo riscontrato un numero significativo di scollamenti protesici. La nostra ipotesi è che questi pazienti, con scarse richieste funzionali, non sono in grado di stressare in modo significativo l’interfaccia osso-cemento.
CONCLUSIONE: A nostro parere la protesi totale d’anca con cotile ritentivo è una valida alternativa all’endoprotesi nell’anziano con frattura del collo del femore.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail