Ricerca avanzata

Home > Riviste > Minerva Ortopedica e Traumatologica > Fascicoli precedenti > Minerva Ortopedica e Traumatologica 2013 Ottobre;64(5) > Minerva Ortopedica e Traumatologica 2013 Ottobre;64(5):497-506

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI   eTOC

ULTIMO FASCICOLOMINERVA ORTOPEDICA E TRAUMATOLOGICA

Rivista di Ortopedia e Traumatologia

Official Journal of the Piedmontese-Ligurian-Lombard Society of Orthopedics and Traumatology
Indexed/Abtracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

Periodicità: Trimestrale

ISSN 0026-4911

Online ISSN 1827-1707

 

Minerva Ortopedica e Traumatologica 2013 Ottobre;64(5):497-506

 ARTICOLI ORIGINALI

Valutazione delle lesioni meniscali con risonanza magnetica ad alto campo (1,5 T) e a basso campo (0,31 T) e correlazione con il gold standard artroscopico

Parchi P. 1, Paolicchi A. 2, Castellini I. 1, Andreani L. 1, Ruschi F. 2, Piolanti N. 1, Lisanti M. 1

1 Unità Operativa I Clinica Ortopedica e Traumatologica Universitaria di Pisa Pisa, Italia;
2 Unità Operativa di Radiodiagnostica 3 AOUP Pisa, Italia

Obiettivo. Lo scopo dello studio è stato di valutare la sensibilità, la specificità e l’accuratezza diagnostica di due sistemi di risonanza magnetica (RM) aventi caratteristiche tecniche differenti e di paragonare i dati RM con il gold standard artroscopico.
Metodi. Dal settembre 2010 al novembre 2011 sono stati valutati 37 pazienti con sospetto di lesione meniscale mediante RM ad alto campo (1,5 T) e RM dedicata a basso campo (0,31 T). Dopo circa un mese è stato eseguito un intervento chirurgico artroscopico e il referto chirurgico è stato confrontato ai dati radiologici sui due sistemi di RM, valutati a doppio cieco da due radiologi esperti (Reader A e Reader B).
Risultati. La sensibilità mostrata dalle due apparecchiature nel rilevare lesioni meniscali è risultata essere la stessa, mentre la specificità differiva di 5 punti percentuali, ma in entrambi casi è stata superiore al 92%. Dallo studio emerge che l’accuratezza diagnostica è risultata essere uguale (90,32%) nelle due apparecchiature, considerando i soli referti forniti da un radiologo. L’utilizzo della RM a basso campo ha permesso una corretta diagnosi nel 90% dei casi, in maniera del tutto simile ad una RM ad alto campo (91-92%).
Conclusioni. Dai dati ottenuti si può affermare che l’indagine artroscopica resta ancor’oggi il gold standard nella patologia meniscale e che l’efficacia diagnostica del sistema RM dedicato a basso campo è risultata paragonabile a quella di una RM ad alto campo nella valutazione di tali lesioni.

lingua: Italiano


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina