Home > Riviste > Minerva Ortopedica e Traumatologica > Fascicoli precedenti > Minerva Ortopedica e Traumatologica 2013 August;64(4) > Minerva Ortopedica e Traumatologica 2013 August;64(4):395-409

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA ORTOPEDICA E TRAUMATOLOGICA

Rivista di Ortopedia e Traumatologia


Official Journal of the Piedmontese-Ligurian-Lombard Society of Orthopedics and Traumatology
Indexed/Abtracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

  CHIRURGIA DI SPALLA E GOMITO


Minerva Ortopedica e Traumatologica 2013 August;64(4):395-409

lingua: Inglese

Lacerazioni massive della cuffia dei rotatori in pazienti giovani

Wiater B. P. 1, Wiater J. M. 1, 2

1 Department of Orthopaedic Surgery Beaumont Health System, Royal Oak, MI, USA;
2 Department of Surgery, Oakland University-William Beaumont School of Medicine Rochester Hills, MI, USA


PDF  


Le lacerazioni massive della cuffia dei rotatori nei giovani individui sono tra i problemi più impegnativi per i chirurghi ortopedici della spalla. Tali pazienti possono presentare disturbi come dolore, invalidità o entrambi. Le lacerazioni massive nei giovani pazienti possono essere acute, croniche o di entrambi i tipi. Esistono numerosi schemi di classificazione delle lacerazioni della cuffia dei rotatori, dove le lacerazioni massive si trovano a un’estremità dello spettro in ciascuna classificazione. Un’approfondita anamnesi e l’esame obiettivo sono necessari nell’iter diagnostico di tali pazienti. Gli esami diagnostici includono le radiografie piane, l’imaging a risonanza magnetica e/o l’ecografia. I fattori prognostici di una lacerazione irreparabile includono la dimensione della lacerazione, un ristretto intervallo acromion omerale e l’atrofia adiposa dei ventri muscolari. Le opzioni terapeutiche includono il trattamento conservativo o chirurgico. Le opzioni chirurgiche variano enormemente e devono essere individualizzate in base alle necessità e alle aspettative dei pazienti. I potenziali trattamenti chirurgici includono lo sbrigliamento, la riparazione completa, la riparazione parziale, l’incremento (augmentation) con autotrapianto, allotrapianto o xenotrapianto, il trasferimento tendineo, l’artroplastica e l’artrodesi.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail

mwiater@beaumont.edu