Home > Riviste > Minerva Ortopedica e Traumatologica > Fascicoli precedenti > Minerva Ortopedica e Traumatologica 2013 April;64(2) > Minerva Ortopedica e Traumatologica 2013 April;64(2):183-93

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA ORTOPEDICA E TRAUMATOLOGICA

Rivista di Ortopedia e Traumatologia


Official Journal of the Piedmontese-Ligurian-Lombard Society of Orthopedics and Traumatology
Indexed/Abtracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Ortopedica e Traumatologica 2013 April;64(2):183-93

Copyright © 2013 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Risultati radiologici e funzionali della tecnica di Bristow-Latarjet modificata per l’instabilità anteriore della spalla

Canbora M. K. 1, Kose O. 2, Polat A. 1, Konukoglu L. 1, Gorgec M. 1, Guler F. 2

1 Haydarpasa Numune Education and Research Hospital Orthopaedics and Traumatology Clinic Istanbul, Turkey; 2 Antalya Education and Research Hospital Orthoapedics and Traumatology Clinic Antalya, Turkey


PDF  


Obiettivo. Obiettivo del presente studio è stato quello di presentare i risultati radiologici e funzionali di 18 pazienti con instabilità anteriore della spalla, i quali sono stati trattati mediante la tecnica di Bristow-Latarjet modificata, e di analizzare la relazione tra problemi dell’innesto coracoideo e risultati funzionali.
Metodi. Lo studio ha incluso 18 casi trattati con la tecnica di Bristow-Latarjet modificata, i quali sono stati seguiti per una media di 28,3 mesi tra il 2006 e il 2011. I pazienti sono stati classificati clinicamente mediante la scala analogica visiva (VAS) e il punteggio di instabilità di Rowe. Le valutazioni radiologiche dell’innesto coracoideo in merito alla sua posizione, unione, frattura e lisi sono state realizzate con radiografie piane e tomografia computerizzata. Qualsiasi complicanza verificatisi durante il follow-up è stata registrata.
Risultati. I punteggi di instabilità di Rowe sono stati eccellenti o buoni nel 77% dei casi. La restrizione è stata determinata nella flessione anteriore in 12 casi (66,6%) e nella rotazione esterna in 14 casi (77,7%). L’innesto coracoideo è stato determinato come appropriato in 14 casi (77,7%) e come inappropriato in 4 casi (22,3%). In tre casi, vi era una mancata saldatura dell’innesto coracoideo associata a frattura o lisi. In un caso vi era una migrazione dell’innesto e tre casi presentavano una sublussazione persistente. In un caso vi è stata l’irritazione del nervo soprascapolare dovuta alle viti che sono quindi state estratte. Un caso ha richiesto un’ulteriore chirurgia di revisione a causa della lisi e della mobilizzazione dell’innesto. La ridislocazione non è stata osservata in nessun caso.
Conclusioni. La tecnica modificata di Bristow-Latarjet garantisce un’efficace stabilità nell’instabilità anteriore della spalla ricorrente. Tuttavia, in particolare quando accompagnata da lassità, vi è un effetto negativo sui tassi di complicanze dell’innesto coracoideo. L’innesto coracoideo deve essere valutato con attenzione in presenza di una sublussazione postoperatoria.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail

kerem.canbora@gmail.com