Home > Riviste > Minerva Ortopedica e Traumatologica > Fascicoli precedenti > Minerva Ortopedica e Traumatologica 2013 April;64(2) > Minerva Ortopedica e Traumatologica 2013 April;64(2):115-20

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA ORTOPEDICA E TRAUMATOLOGICA

Rivista di Ortopedia e Traumatologia


Official Journal of the Piedmontese-Ligurian-Lombard Society of Orthopedics and Traumatology
Indexed/Abtracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Ortopedica e Traumatologica 2013 April;64(2):115-20

Copyright © 2013 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Rottura in cieco della parete cistica dei glangli della guaina tendinea dei flessori: un trattamento efficace e semplice

Turan A., Kose O., Arik H. O., Guler F., Tokatman B., Akalin S.

Antalya Education and Research Hospital, Orthopedics and Traumatology Department, Antalya, Turkey


PDF  


Obiettivo. Lo scopo di questo studio era riferire i risultati della rottura in cieco della parete cistica dei glangli della guaina tendinea dei flessori della mano in una serie consecutiva di pazienti.
Metodi. Abbiamo seguito in modo prospettico 28 pazienti con ganglio della guaina tendinea del flessore, sottoposti a rottura della parete cistica. Abbiamo eseguito la rottura ad ago, con un massimo di due tentativi. L’escissione chirurgica è stata eseguita in questi casi ricorrenti. Recidiva e soddisfazione del paziente sono stati gli esiti più importanti.
Risultati. Tutti i pazienti sono stati seguiti per almeno sei mesi, con una media di 11,1±4,4 mesi (range, 6-20). In 23 casi (82,1%), la cisti non si è ripresentata durante il follow-up dopo una rottura singola. In cinque casi è stato eseguito un secondo tentativo di rottura della parete cistica. Di queste cisti, tre si sono ripresentate. Due pazienti sono stati operati e un paziente ha rifiutato l’intervento chirurgico. La percentuale di successo generale della rottura della parete cistica (una o due) è stata pari all’89,3%. In un paziente si è osservata una parestesia permanente causata da lesioni del nervo digitale.
Conclusioni. La rottura in cieco della parete cistica in pazienti con glangli della guaina tendinea dei flessori è una procedura pratica che può essere eseguita in ambulatorio, con elevata soddisfazione del paziente e una percentuale limitata di recidive e complicazioni.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail

drozkankose@hotmail.com