Home > Riviste > Minerva Ortopedica e Traumatologica > Fascicoli precedenti > Minerva Ortopedica e Traumatologica 2012 October;63(5) > Minerva Ortopedica e Traumatologica 2012 October;63(5):307-18

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA ORTOPEDICA E TRAUMATOLOGICA

Rivista di Ortopedia e Traumatologia


Official Journal of the Piedmontese-Ligurian-Lombard Society of Orthopedics and Traumatology
Indexed/Abtracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Ortopedica e Traumatologica 2012 October;63(5):307-18

Copyright © 2012 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano, Inglese

Affidabilità dei reperi intraoperatori nell’endoprotesi d’anca

Gennari E. 1, Bruzzone M. 1, Bellato E. 1, Rossi R. 1, Tellini A. 2, Castoldi F. 2, Blonna D. 2

1 Department of Orthopedics and Traumatology, Mauriziano Umberto I Hospital, University of Turin Medical School, Turin, Italy; 2 Department of Orthopedics and Traumatology CTO – Maria Adelaide Hospital, University of Turin Medical School, Turin, Italy


PDF  


Obiettivo. Una differenza nella lunghezza delle gambe è stata descritta in seguito a interventi di endoprotesi dell’anca. L’origine di questa differenza non è nota con certezza, ma una possbile ruolo potrebbe essere legato ad una identificazione non accurata dei reperi anatomici. L’obiettivo di questo studio è stato di misurare l’affidabilità intra- e interosservatore dei reperi anatomici usati negli interventi di protesi d’anca. È stata inoltre testata l’affidabilità dell’inserzione del grande gluteo a livello del femore. Tale punto di repere è stato testato per la sua potenziale utilità in caso di endoprotesi per il trattamento di fratture intertrocanteriche instabili quando non sono identificabili altri punti di repere.
Metodi. Sono state studiate 34 anche. La dissezione è stata fatta attraverso un accesso postero-laterale. Due osservatori, uno specializzando anziano e un chirurgo ortopedico, hanno effettuato le seguenti misurazioni: diametro della testa femorale, angolo del collo femorale e distanza dall’inserzione profonda del muscolo grande gluteo nel femore a: 1) fossa trocanterica; 2) l’apice del grande trocantere; 3) il margine più distale della testa femorale (GM-DFH); 4) il centro esterno della testa femorale e la distanza dal solco del piccolo trocantere a; 5) la fossa trocanterica; 6) l’apice del grande trocantere, g) il margine più distale della testa femorale (LT-DFH), h) il centro esterno della testa femorale (LT-EC). L’affidabilità intra- e interosservatore è stata analizzata usando l’analisi di Bland e Altman.
Risultati. Il GM-DFH è risultato essere la distanza con la migliore affidabilità intra-e interosservatore (errore: 0±3 mm). La distanza LT-DFH ha avuto un’affidabilità moderata: affidabilità intraosservatore 0± 5 mm, affidabilità interosservatore 1±6 mm. La distanza LT-EC ha mostrato la peggiore affidabilità: affidabilità intraosservatore: 3±8 mm, affidabilità interosservatore 4±11mm. Il GM-DFH è risultato costantemente il doppio del diametro della testa femorale (errore: 0±7mm).
Conclusioni. L’inserzione del tendine del grande gluteo a livello femorale è un repere affidabile. Il piccolo trocantere dovrebbe essere usato con cautela. L’uso del centro esterno della testa femorale e l’apice del trocantere e la fossa trocanterica dovrebbe essere evitato durante gli interventi sull’anca.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail