Ricerca avanzata

Home > Riviste > Minerva Ortopedica e Traumatologica > Fascicoli precedenti > Minerva Ortopedica e Traumatologica 2012 Aprile;63(2) > Minerva Ortopedica e Traumatologica 2012 Aprile;63(2):71-6

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI   eTOC

ULTIMO FASCICOLOMINERVA ORTOPEDICA E TRAUMATOLOGICA

Rivista di Ortopedia e Traumatologia

Official Journal of the Piedmontese-Ligurian-Lombard Society of Orthopedics and Traumatology
Indexed/Abtracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

Periodicità: Trimestrale

ISSN 0026-4911

Online ISSN 1827-1707

 

Minerva Ortopedica e Traumatologica 2012 Aprile;63(2):71-6

 ARTICOLI ORIGINALI

Trattamento delle fratture dell’anello pelvico e dell’acetabolo: esperienza personale

Allevi G., Pantalone A., Vanni D., Colucci C., Salini V.

Clinica Ortopedica e Traumatologica, Università degli Studi “G. d’Annunzio”, Chieti, Italia

Obiettivo. Le fratture dell’anello pelvico e dell’acetabolo solitamente sono conseguenti a traumi ad alta energia. Sono lesioni estremamente complesse, gravate da un’alta mortalità e morbilità, che richiedono un approccio multidisciplinare e un corretto management pre- e postoperatorio. Scopo dello studio era valutare i risultati relativi al trattamento delle fratture dell’anello pelvico e dell’acetabolo sottoposte a riduzione a cielo aperto e sintesi interna.
Metodi. È stata eseguita un’analisi retrospettiva su 34 pazienti (età media di 37 anni) sottoposti a intervento chirurgico per fratture pelviche presso la Clinica Ortopedica e Traumatologica di Chieti tra gennaio 2008 e maggio 2011. Le fratture sono state classificate secondo Tile (anello pelvico) e Judet e Letournel (acetabolo). Il follow-up medio, clinico e radiografico, secondo il Matta Radiographic Score e il Majeed Pelvic Score è compreso tra i 12 e i 40 mesi (follow-up medio 24 mesi).
Risultati. Tutti i pazienti sono stati sottoposti a intervento entro cinque giorni dal trauma (2,9 giorni in media). Il controllo radiografico, interpretato alla luce del Matta Score è stato eccellente nel 61,7% dei casi, buono nel 32,5% e discreto nel 5,8%. Tenendo conto dei parametri del Majeed Pelvic Score, l’outcome finale è stato eccellente in 21 pazienti, buono in 11 e scarso in 2.
Conclusioni. Il trattamento chirurgico delle fratture scomposte della pelvi richiede una riduzione a cielo aperto e una sinesi interna. I migliori risultati possono ottenersi solo se si procede a una riduzione anatomica e a una fissazione interna stabile.

lingua: Italiano


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina