Home > Riviste > Minerva Ortopedica e Traumatologica > Fascicoli precedenti > Minerva Ortopedica e Traumatologica 2011 Dicembre;62(6) > Minerva Ortopedica e Traumatologica 2011 Dicembre;62(6):459-69

ULTIMO FASCICOLOMINERVA ORTOPEDICA E TRAUMATOLOGICA

Rivista di Ortopedia e Traumatologia


Official Journal of the Piedmontese-Ligurian-Lombard Society of Orthopedics and Traumatology
Indexed/Abtracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

  LA MANO


Minerva Ortopedica e Traumatologica 2011 Dicembre;62(6):459-69

lingua: Inglese

Infezioni della mano

Becker H. A., Jones D. B. Jr., Rizzo M.

Division of Hand Surgery, Department of Orthopedic Surgery, Mayo Clinic, Rochester, MI, USA


PDF  ESTRATTI


A causa della complessa anatomia e del delicato equilibrio delle funzioni nella mano, le infezioni che interessano quest’organo possono comportare una significativa morbilità. Lo spettro delle patologie può andare da infezioni cutanee e sottocutanee moderate, come la cellulite, a infezioni più gravi e più profonde o a patologie necrotizzanti. Le infezioni della mano possono interessare i tessuti molli dei letti ungueali, le guaine tendinee del flessore, il muscolo e la fascia, gli spazi profondi della mano, oltre alle ossa e alle articolazioni della mano e delle dita. I trattamenti in genere includono l’utilizzo di antibiotici mentre le infezioni più gravi di solito necessitano anche della chirurgia. Il trattamento delle lesioni, gli sbrigliamenti quotidiani e/o le sostituzioni delle medicazioni rappresentano inoltre un complemento consolidato alla chirurgia. Sebbene gli organismi dannosi siano in genere di natura batterica, nella scelta del trattamento antimicrobico devono essere tenuti in considerazione anche i micobatteri atipici e gli organismi fungini e virali resistenti. Una consultazione con specialisti in patologie infettive dà in genere risultati positivi. Stabilire la diagnosi, riconoscere e identificare gli organismi dannosi e avviare un trattamento tempestivo sono necessari per eliminare l’infezione e preservare la funzionalità della mano.

inizio pagina