Ricerca avanzata

Home > Riviste > Minerva Ortopedica e Traumatologica > Fascicoli precedenti > Minerva Ortopedica e Traumatologica 2011 Ottobre;62(5) > Minerva Ortopedica e Traumatologica 2011 Ottobre;62(5):341-7

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI   eTOC

ULTIMO FASCICOLOMINERVA ORTOPEDICA E TRAUMATOLOGICA

Rivista di Ortopedia e Traumatologia

Official Journal of the Piedmontese-Ligurian-Lombard Society of Orthopedics and Traumatology
Indexed/Abtracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

Periodicità: Trimestrale

ISSN 0026-4911

Online ISSN 1827-1707

 

Minerva Ortopedica e Traumatologica 2011 Ottobre;62(5):341-7

 ARTICOLI ORIGINALI

Stelo protesico Silent® a conservazione di collo: indicazioni, modalità d’impianto e risultati clinici preliminari

Cividini F., Rondi L., Mattavelli M., Rocca A., Cortinovis E., Rossi A.

Unità Operativa di Ortopedia e Traumatologia, Cliniche Humanitas Gavazzeni Bergamo, Italia

Obiettivo. L’abbassamento dell’età dei pazienti sottoposti a sostituzione protesica, l’aumento delle richieste funzionali e l’aumento dell’età media della popolazione ha portato alla necessità di effettuare impianti protesici con il massimo risparmio tessutale e conservazione del bone stock nell’ottica di un probabile impianto di revisione. Lo scopo del presente articolo è di valutare l’impianto della protesi a conservazione di collo Silent® (DePuy).
Metodi. Dal gennaio 2010 presso l’unità di ortopedia Humanitas Gavazzeni Bergamo sono stati operati 20 pazienti con l’età media di 46 anni impiantando una protesi a conservazione di collo Silent® (DePuy). Vengono analizzati i risultati con un follow-up a 18 mesi e presentati aspetti di tecnica chirurgica dell’impianto e le problematiche rilevate durante questa esperienza preliminare.
Risultato. L’impianto dello stelo Silent® appare una procedura efficace nel togliere il dolore e restituire funzionalità, non risulta più difficile di un impianto tradizionale ma differente e ci fa supporre un intervento di revisione più facile.
Conclusioni. Sono necessari numeri più elevati e follow-up più lunghi per confermare la sopravvivenza e la positività del outcome clinico.

lingua: Italiano


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina