Home > Riviste > Minerva Ortopedica e Traumatologica > Fascicoli precedenti > Minerva Ortopedica e Traumatologica 2011 June;62(3) > Minerva Ortopedica e Traumatologica 2011 June;62(3):223-38

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA ORTOPEDICA E TRAUMATOLOGICA

Rivista di Ortopedia e Traumatologia


Official Journal of the Piedmontese-Ligurian-Lombard Society of Orthopedics and Traumatology
Indexed/Abtracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

  GINOCCHIO: AGGIORNAMENTI


Minerva Ortopedica e Traumatologica 2011 June;62(3):223-38

Copyright © 2011 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Engineering tissutale per i legamenti del ginocchio

Hoshino Y., Araujo P., Working Z. M., Wasserman B. R., Fu F. H.

Department of Orthopedic Surgery, University of Pittsburgh, Pittsburgh, PA, USA


PDF  


Le lesioni dei legamenti del ginocchio sono le lesioni più frequenti in ambito sportivi, rendendo conto la rottura del legamento crociato anteriore (LCA) e del legamento collaterale mediale (LCM) di più del 27% delle lesioni combinate del ginocchio. Il gold standard nel trattamento delle lesioni del legamento è tuttora controverso. I metodi non-operatori possono esitare in una riduzione della forza ed in un recupero prolungato mentre l’intervento chirurgico non garantisce l’incorporamento della protesi e il recupero completo della funzionalità. La tecnologia dell’engineering tissutale comprende principi di biologia, di chimica, di ingegneria e di scienza dei materiali e può favorire la guarigione delle lesioni. Lo scopo di questo articolo è di rivedere gli attuali approcci di engineering tissutale per le lesioni dei legamenti del ginocchio. I legamenti intra-articolari, come il LCA e il legamento crociato posteriore (LCP) si trovano in un ambiente completamente differente rispetto ai legamenti extra-articolari come il LCM e il LCL. Pertanto, l’approccio per la guarigione in queste due aree corporee sono differenti. L’engineering tissutale relativo al trattamento delle lesioni dei legamenti consiste in tre componenti: cellule, “ponti”, e l’ambiente. Fino ad ora, non è ancora stato trovato una sorgente cellulare ideale o un “ponte” ottimale. Le modificazioni dell’ambiente biologico si trovano nelle loro fasi iniziali, e si sta attualmente studiando la stimolazione appropriata mediante l’applicazione di fattori di crescita. L’aspetto meccanico, a sua volta, può essere ottimizzato effettuando la chirurgia ricostruttiva dei legamenti in una maniera anatomica. Grazie ai progressi compiuti in ambito di engineering tissutale, i chirurghi potranno un giorno offrire soluzioni utili ad aiutare I pazienti a tornare alle loro attività abituali più rapidamente e con maggior forza.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail