Home > Riviste > Minerva Ortopedica e Traumatologica > Fascicoli precedenti > Minerva Ortopedica e Traumatologica 2011 Giugno;62(3) > Minerva Ortopedica e Traumatologica 2011 Giugno;62(3):165-70

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA ORTOPEDICA E TRAUMATOLOGICA

Rivista di Ortopedia e Traumatologia


Official Journal of the Piedmontese-Ligurian-Lombard Society of Orthopedics and Traumatology
Indexed/Abtracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Ortopedica e Traumatologica 2011 Giugno;62(3):165-70

lingua: Italiano

Valutazione funzionale a medio termine nelle fratture instabili dell’anello pelvico

Cicirello M., Nicodemo A., Bernardi A., Capella M., Massè A.

Unità di Ortopedia e Traumatologia, Azienda Ospedaliera Universitaria, San Luigi Gonzaga, Orbassano, Torino, Italia


PDF  


Obiettivo. Le lesioni traumatiche dell’anello pelvico rappresentano circa il 6% delle fratture. Sono determinate da traumi ad alta energia e colpisco prevalentemente individui giovani; richiedono lunghi periodi riabilitativi con costi socio-economici elevati. Scopo di questo studio è la valutazione degli esiti a medio termine delle fratture dell’anello pelvico prendendo in considerazione il loro risultato funzionale e radiologico.
Metodi. Questo studio retrospettivo comprende 80 pazienti con frattura instabile dell’anello pelvico trattati chirurgicamente tra il 2002 e il 2009. La valutazione funzionale è stata effettuata utilizzando la Scala di Majeed. Il follow-up medio è stato di 25 mesi (range 12-62).
Risultati. Nella maggior parte dei pazienti è presente una riduzione globale della qualità di vita: in particolare per l’ambito sessuale. Un tempestivo intervento chirurgico così come una buona riduzione delle fratture vanno considerati come fattori prognostici positivi di un possibile recupero funzionale.
Conclusioni. La prognosi delle fratture dell’anello pelvico è gravata da un ampio spettro di importanti disfunzioni. La comprensione degli esiti a lungo termine delle lesioni traumatiche dell’anello pelvico potrebbe avere importanti risvolti prognostici e terapeutici, al fine di garantire ai pazienti una migliore qualità di vita.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail