Home > Riviste > Minerva Ortopedica e Traumatologica > Fascicoli precedenti > Minerva Ortopedica e Traumatologica 2011 Aprile;62(2) > Minerva Ortopedica e Traumatologica 2011 Aprile;62(2):83-7

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA ORTOPEDICA E TRAUMATOLOGICA

Rivista di Ortopedia e Traumatologia


Official Journal of the Piedmontese-Ligurian-Lombard Society of Orthopedics and Traumatology
Indexed/Abtracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Ortopedica e Traumatologica 2011 Aprile;62(2):83-7

lingua: Inglese

Risultati precoci della stabilizzazione dinamica senza fusione con InterS

Kaptan H. 1, Kasimcan Ö. 2, Birler S. 3, Ayaz M. 4

1 Selçuk University Selçuklu Medical School, Department of Neurosurgery, Konya, Turkey
2 Kırıkkale University School of Medicine Department of Neurosurgery, Kirirkkale, Turkey
3 Çagˇ Hospital Department of Neurosurgery, Ankara, Turkey
4 Selçuk University Selçuklu Medical School Department of Biophysics, Konya, Turkey


PDF  


Obiettivo. Questo studio aveva l’obiettivo di analizzare i risultati a breve termine di una nuova tecnica applicata ai pazienti affetti da patologia discale della colonna vertebrale degenerativa (DSDD). Pertanto, 25 pazienti affetti da DSDD, stenosi spinale e spondilolistesi sono stati inclusi nello studio. I trattamenti sono stati effettuati in due tempi, dapprima chirurgicamente con la laminectomia, e la discectomia (se necessario) e successivamente con la stabilizzazione miniinvasiva dinamica senza fusione con InterS.
Metodi. I pazienti sottoposti alla procedura sono stati seguiti per 12 mesi, mediante indagini cliniche e radiologiche. Tutti e tre i gruppi di pazienti sono stati sottoposti a laminectomia mediana decompressiva con foraminectomia. Inoltre, nei casi di ernia del disco lombare, è stata effettuata la discectomia. Per la valutazione clinica, è stata utilizzata la scala del dolore di Oswestry.
Risultati. Lo studio ha incluso pazienti di entrambi I sessi (16 di sesso femminile, 9 di sesso maschile) con un’età media di 54,45 anni (range 37-68). Tra i sintomi e i segni vi era il dolore (100), 15 pazienti soffrivano di DDD, 7 pazienti di stenosi spinale, 3 pazienti di spondilolistesi. La localizzazione era la seguente: L3-4: 5 (20%), L4-5: 20 (80%). Risultati soddisfacenti sono stati riportati in 21 (84%) pazienti. La media dei punteggi di Oswestry era 42,15 nel periodo preoperatorio e 8,8 nel periodo postoperatorio.
Conclusioni. Il metodo di stabilizzazione dinamica senza fusione con InterS è una procedura sicura. Secondo gli autori questa tecnica riduca il tasso di complicanze nei pazienti affetti da stenosi spinale, spondilolistesi e patologia discale degenerativa. La preservazione del movimento, la precoce mobilizzazione, la breve degenza ospedaliera e il più rapido recupero sono i principali vantaggi di questo intervento chirurgico.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail