Home > Riviste > Minerva Ortopedica e Traumatologica > Fascicoli precedenti > Minerva Ortopedica e Traumatologica 2010 August;61(4) > Minerva Ortopedica e Traumatologica 2010 August;61(4)343-52

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA ORTOPEDICA E TRAUMATOLOGICA

Rivista di Ortopedia e Traumatologia


Official Journal of the Piedmontese-Ligurian-Lombard Society of Orthopedics and Traumatology
Indexed/Abtracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

  ADVANCES IN KNEE SURGERY LIGAMENT - PART II


Minerva Ortopedica e Traumatologica 2010 August;61(4)343-52

Copyright © 2010 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Osteotomia tibiale nell’artrite post-traumatica del ginocchio

Massin P., Deschamps G.

1 Orthopedic Surgery Department, CHU Bichat Claude Bernard, Paris, France. 2 Medico-Surgical center, Dracy le Fort, France


PDF  


Nell’artrite post-traumatica del ginocchio, l’osteotomia tibiale può essere effettuata per 2 motivi: in primo luogo per correggere una deformazione post-traumatica, e in secondo luogo per trattare l’artrite uni-compartimentale. Talvolta sono necessarie due sezioni ossee, tuttavia più spesso entrambi gli obiettivi possono essere raggiunti con una singola sezione ossea. Solitamente, deformità rotazionali seguono il posizionamento chiuso intramidollare per una frattura diafisaria, mentre la deformità assiale è secondaria a fratture complesse del piatto tibiale e può combinare malunioni intra- ed extra-articolari. Un’analisi tridimensionale della deformazione, basata su radiografie in ortostatismo e una tomografia computerizzata (TC), è mandatoria. Le deformità assiali possono essere corrette nella metafisi superiori, mentre le deformità rotazionali sono meglio corrette nella metafisi inferiore. Un’artrite uni-compartimentale lieve del ginocchio con una deformità extra-capsulare di più di 10° in entrambi i piani costituisce la miglior indicazione per un’osteotomia correttiva. Se i cambiamenti degenerativi sono più gravi, si deve prendere in considerazione la possibilità di associare l’artroplastica nei pazienti anziani. Le osteotomie tibiali superiori sono compatibili con una simultanea sostituzione totale di ginocchio durante il medesimo approccio. Il trattamento delle deformità intra-capsulari è più controverso. L’osteotomia intra-articolare deve essere presa in considerazione nelle gravi deformità nei pazienti giovani. Le osteotomie che riproducono la traiettoria dell’iniziale separazione-frattura sono tecnicamente difficili, e ricostituiscono principalmente il profilo articolare. Le osteotomie extra-capsulari possono essere associate. Risultati soddisfacenti inaspettati possono essere ottenuti in pazienti giovani, con possibilità di ritardare il posizionamento della protesi. In caso di insuccesso, la sostituzione totale di ginocchio sarà facilitata.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail