Home > Riviste > Minerva Ortopedica e Traumatologica > Fascicoli precedenti > Minerva Ortopedica e Traumatologica 2010 June;61(3) > Minerva Ortopedica e Traumatologica 2010 June;61(3):177-81

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA ORTOPEDICA E TRAUMATOLOGICA

Rivista di Ortopedia e Traumatologia


Official Journal of the Piedmontese-Ligurian-Lombard Society of Orthopedics and Traumatology
Indexed/Abtracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Ortopedica e Traumatologica 2010 June;61(3):177-81

lingua: Inglese

Valutazione retrospettiva dei risultati dell’applicazione della tecnica MIPPO con osteosintesi in 26 casi di frattura di tibia

Bülbül M., Ayano⁄lu S., Iret H., Gürbüz H., Gürkan V

Department of Orthopedics and Traumatology, Vakif Gureba Teaching and Research Hospital, Fatih/Istanbul, Turkey


PDF  


Obiettivo. Questo studio retrospettivo ha valutato l’impiego della tecnica di osteosintesi mini-invasiva con posizionamento percutaneo di placca (minimally invasive percutaneous plate osteosynthesis, MIPPO) in 26 casi di frattura di tibia, condizione di frequente riscontro nella traumatologia ortopedica.
Metodi. Nello studio sono stati inclusi 26 pazienti con frattura di tibia, operati con la tecnica MIPPO presso il nostro istituto nel periodo di tempo compreso tra giugno 2006 e dicembre 2008. Sedici pazienti erano di sesso maschile e 10 di sesso femminile, con un’età media di 36,3 anni (range 24-57 anni). Tre casi erano classificati come fratture aperte di Grado I. Una placca a compressione dinamica di limitato contatto di basso profilo 3,5 mm (limited contact dynamic compression plate, LCDCP) è stata impiegata in tutti i casi. In seconda giornata postoperatoria a tutti i pazienti era concesso il libero movimento, ma sono stati dimessi al domicilio senza caricare. Alcuni pazienti hanno iniziato il carico a partire dalla sesta settimana, in base all’esito delle radiografie di controllo. A nessun paziente è stato permesso il carico completo prima del quarto mese.
Risultati. In tutti i casi è stata ottenuta la saldatura sia dal punto di vista clinico che radiologico. Al termine del follow-up, tutti i pazienti erano in grado di adempire le proprie attività quotidiane senza restrizioni. Nessun paziente ha sviluppato infezioni tissutali superficiali o profonde. Nella prima settimana postoperatoria, tre pazienti hanno sviluppato segni clinici minimi di trombosi venosa profonda, trattati con risoluzione clinica entro 15 giorni, con terapia medica. Il tempo medio trascorso per un carico completo è stato di 5,6 mesi. L’asportazione si è resa necessaria in 11 casi, a causa di irritazione cutanea causata dalla placca.
Conclusioni. La tecnica MIPPO per fratture diafisarie e distali di tibia è semplice da applicare, determina una miglioramento dal punto di vista riabilitativo e comporta poche complicanze. Riteniamo che la tecnica MIPPO con placche LCDCP a basso profilo possa essere applicata in pazienti selezionati.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail