Home > Riviste > Minerva Ortopedica e Traumatologica > Fascicoli precedenti > Minerva Ortopedica e Traumatologica 2009 October;60(5) > Minerva Ortopedica e Traumatologica 2009 October;60(5):461-9

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA ORTOPEDICA E TRAUMATOLOGICA

Rivista di Ortopedia e Traumatologia


Official Journal of the Piedmontese-Ligurian-Lombard Society of Orthopedics and Traumatology
Indexed/Abtracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

  ORTHOPEDIC TRAUMA UPDATE PART I


Minerva Ortopedica e Traumatologica 2009 October;60(5):461-9

lingua: Inglese

Fratture da fragilità del radio distale

Pike J. M., Grewal R.

Division of Orthopedic Surgery, University of Western Ontario, Hand and Upper Limb Center, St Joseph’s Health Care
London, ON, Canada


PDF  


Le fratture del radio distale negli anziani sono solitamente causate da meccanismi traumatici a bassa energia, tipicamente cadute dalla posizione in piedi. Queste fratture da fragilità tendono a essere associate a una densità ossea ridotta e sono un’entità distinta dalle fratture del radio distale ad alta energia, riportate per lo più da pazienti fisiologicamente più giovani e attivi. Rispetto ai pazienti giovani, negli anziani i risultati sono meno dipendenti dal ripristino dei parametri anatomici radiografici, verosimilmente poiché le loro richieste funzionali sono minori. Altri fattori predittivi dei risultati comprendono il malallineamento carpale, altre patologie del carpo, il dolore di polso sul versante ulnare e la rigidità di polso. L’età avanzata e le minori richieste funzionali riducono l’influenza sui risultati anche di questi fattori. Le opzioni di osteosintesi per questa popolazione sono le stesse dei pazienti più giovani, tuttavia è più probabile che i pazienti anziani necessitino di una fissazione esterna a protezione di una sintesi con fili di Kirschner, e di sostituti ossei sintetici per trattare i difetti ossei metafisari ed epifisari a rischio di inficiare la sintesi interna. Eventuali studi futuri saranno maggiormente conclusivi se tra i criteri di inclusione si porrà maggior attenzione alla distinzione tra fratture da fragilità e non da fragilità. Per definire correttamente le risposte che giungeranno dai nuovi studi sarà anche utile il ricorso a questionari di valutazione validati, come il DASH e il PRWE.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail