Home > Riviste > Minerva Ortopedica e Traumatologica > Fascicoli precedenti > Minerva Ortopedica e Traumatologica 2009 August;60(4) > Minerva Ortopedica e Traumatologica 2009 August;60(4):285-91

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA ORTOPEDICA E TRAUMATOLOGICA

Rivista di Ortopedia e Traumatologia


Official Journal of the Piedmontese-Ligurian-Lombard Society of Orthopedics and Traumatology
Indexed/Abtracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

  TRAUMATOLOGIA SPORTIVA


Minerva Ortopedica e Traumatologica 2009 August;60(4):285-91

lingua: Inglese

Effetti dell’osteoartrite sui risultati clinici dopo trattamento artroscopico dell’impingement femoro-acetabolare

Larson C. M., Giveans M. R., Wulf C. A.

Minnesota Orthopedic, Sports Medicine Institute (MOSMI), Eden Prairie, MN, USA


PDF  


L’osteoartrite (OA) dell’anca rappresenta una patologia frequente con multipli fattori etiologici. L’impingement femoro-acetabolare (FAI) costituisce un disordine che viene attualmente riconosciuto con una frequenza crescente come una delle cause dell’osteoartrite idiopatica. L’artroscopia dell’anca ha guadagnato popolarità negli ultimi 10 anni come opzione di trattamento per il FAI. Fino ad ora, sono stati riportati risultati marginali dopo trattamento artroscopico della OA. Il trattamento artroscopico del FAI si è evoluto dal punto di vista tecnico e ne sono stati dimostrati risultati favorevoli a breve e a medio termine. Anche le indicazioni e le controindicazioni per il trattamento di diversi pattern del FAI continuano a evolvere. La gravità della OA presente al momento del trattamento chirurgico del FAI correla in maniera inversamente proporzionale con i risultati indipendentemente dall’approccio.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail