Ricerca avanzata

Home > Riviste > Minerva Ortopedica e Traumatologica > Fascicoli precedenti > Minerva Ortopedica e Traumatologica 2009 Giugno;60(3) > Minerva Ortopedica e Traumatologica 2009 Giugno;60(3):249-54

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI   eTOC

ULTIMO FASCICOLOMINERVA ORTOPEDICA E TRAUMATOLOGICA

Rivista di Ortopedia e Traumatologia

Official Journal of the Piedmontese-Ligurian-Lombard Society of Orthopedics and Traumatology
Indexed/Abtracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

Periodicità: Trimestrale

ISSN 0026-4911

Online ISSN 1827-1707

 

Minerva Ortopedica e Traumatologica 2009 Giugno;60(3):249-54

HIP AND KNEE RECONSTRUCTION 

Artroplastica totale di ginocchio computer-assistita versus non navigata: revisione della Letteratura

Martin A., Widemschek M., Von Strempel A.

University Teaching Hospital Medical University of Innsbruck Feldkirch, Austria

Numerosi studi clinici hanno confermato l’aumentata accuratezza radiologica dell’impianto per le sostituzioni totali di ginocchio computer assistite. Non sono attualmente disponibili in Letteratura studi che dimostrino una significativa influenza della tecnica di navigazione per l’artroplastica totale di ginocchio (total knee arthroplasty, TKA) sui risultati clinici a breve termine. In un primo studio (44 TKAs), gli Autori hanno confrontato la tecnica di navigazione basata sulla tomografia computerizzata (CT) con la tecnica di navigazione chirurgica senza l’ausilio della TC. In un secondo studio clinico, è stato condotto un trial prospettico controllato randomizzato (200 TKA), in cui sono state confrontate la tecnica di impianto navigato con quella convenzionale. Per tutti i pazienti, sono stati acquisiti sia preoperatoriamente che nel periodo post-operatorio i parametri clinici (Insall score, step test, dolore anteriore del ginocchio, sensazione di instabilità) e radiologici (asse meccanico della gamba slope tibiale, angolo femorale laterale distale (lateral distal femoral angle, LDFA), angolo tibiale mediale prossimale (medial proximal tibial angle, MPTA). Il confronto della tecnica di navigazione basata sulla CT con quella senza CT non ha evidenziato differenze statisticamente significative in termini di parametri radiologici e clinici. Il trial che ha confrontato la tecnica di impianto navigato con quella convenzionale ha evidenziato delle accuratezze di impianto significativamente superiori per quanto riguardava l’asse meccanico della gamba e il tibial slope nel gruppo di studio della navigazione. I parametri clinici a 3 mesi di follow-up non sono risultati significativamente differenti. In base alla propria esperienza clinica e ai dati disponibili in Letteratura, gli autori hanno definito le seguenti indicazioni per le sostituzioni totali di ginocchio navigate: obesità, deformità post-traumatiche del femore o della tibia, hardware ritenuto, severa contrattura di flessione preoperatoria (>10°), e l’impossibilità di effettuare un’esatta radiografia anteroposteriore con gamba allungata sotto carico per un’appropriata pianificazione dell’intervento chirurgico convenzionale.

lingua: Inglese


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina