Home > Riviste > Minerva Ortopedica e Traumatologica > Fascicoli precedenti > Minerva Ortopedica e Traumatologica 2009 June;60(3) > Minerva Ortopedica e Traumatologica 2009 June;60(3):233-40

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA ORTOPEDICA E TRAUMATOLOGICA

Rivista di Ortopedia e Traumatologia


Official Journal of the Piedmontese-Ligurian-Lombard Society of Orthopedics and Traumatology
Indexed/Abtracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

  HIP AND KNEE RECONSTRUCTION


Minerva Ortopedica e Traumatologica 2009 June;60(3):233-40

Copyright © 2009 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Ultimi aggiornamenti sulle superfici di contatto dell’artroplastica totale di anca

Haverkamp D.

Department of Orthopedic Surgery Orthotrauma Research Centre Amsterdam Amsterdam, the Netherlands


PDF  


Da quando è stato introdotto il concetto di artroplastica totale di anca (total hip arthroplasty, THA), è impossibile garantire al 100% dei pazienti una soluzione ottimale che duri per tutta la vita. Questa evidenza ha spinto gli Autori a ricercare nuove opzioni per i modelli di THA. Per la THA convenzionale, le superfici di contatto che si possono utilizzare sono il duro sul morbido di metallo o ceramica (zirconio o alluminio) su polietilene (PE), o duro su duro nella forma del metallo-su-metallo o della ceramica-su-ceramica. Nessuno di questi principi è innovativo, sebbene la tribologia dei materiali continui a migliorare. Il PE con un elevato crosslinking, mediante trattamento con radiazioni, si è dimostrato essere una perfetta alternativa, e forse la seconda generazione di materiali, con elevato crosslinking e agenti che operano contro i radicali liberi, presenterà un logorio ancora minore e, di conseguenza, una minor osteolisi. Per la ceramica-su-ceramica, molti dei problemi della prima e seconda generazione sono stati risolti e superati nell’attuale terza generazione, essendo quest’ultima una soluzione sicura e durevole nel tempo con logorio minimo, che tuttavia presenta alcuni problemi specifici come il danno e lo squeaking del taper e, seppur raro, il problema dei frammenti dopo una frattura. Per quanto riguarda l’articolazione metallo-su-metallo, i maggiori punti deboli sono costituiti dal probabile del danno che gli ioni metallo-rilasciati teoricamente potrebbero determinare e dall’ipersensibilità.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail