Home > Riviste > Minerva Ortopedica e Traumatologica > Fascicoli precedenti > Minerva Ortopedica e Traumatologica 2009 April;60(2) > Minerva Ortopedica e Traumatologica 2009 April;60(2):173-9

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA ORTOPEDICA E TRAUMATOLOGICA

Rivista di Ortopedia e Traumatologia


Official Journal of the Piedmontese-Ligurian-Lombard Society of Orthopedics and Traumatology
Indexed/Abtracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

REVIEW  


Minerva Ortopedica e Traumatologica 2009 April;60(2):173-9

lingua: Inglese

Protesi parziale tradizionale di spalla: è ancora indicata?

Sperling J. W., Duncan S. F. M., Antuna S. A.

1 Department of Orthopedic Surgery Mayo Clinic, Rochester, MN, USA
2 Department of Orthopedic Surgery Mayo Health System, Owatonna, MN, USA
3 Shoulder and Elbow Unit Hospital Universitario La Paz Universidad Autónoma de Madrid, Madrid, Spain


PDF  


La decisione tra protesi di spalla parziale e totale rimane una scelta controversa per il paziente affetto da artrosi di spalla. Nel prendere la decisione finale tra le due opzioni di trattamento vanno tenuti in considerazione diversi fattori. Il processo decisionale inizia da un’attenta analisi dei sintomi del paziente, delle motivazioni e della capacità di affrontare la riabilitazione e le restrizioni del postoperatorio. Inoltre, un’anamnesi approfondita, l’esame obiettivo e gli studi appropriati di imaging giocano un ruolo fondamentale nel guidare il processo decisionale. La protesi parziale dovrebbe essere presa in considerazione nei pazienti con un’usura così grave della glenoide da precludere la possibilità di impianto di una componente glenoidea, nell’artropatia da lesione della cuffia dei rotatori in pazienti giovani, e anche in quei pazienti che si rifiutano di vivere con le restrizioni dettate dalla presenza di una componente glenoidea. Nel tipico paziente con una cuffia dei rotatori integra e un adeguato bone stock della glenoide, la decisione è basata principalmente sul livello di attività del paziente e sulla comprensione del bilancio tra un’attività maggiore in caso di protesi parziale e un maggior sollievo dal dolore nelle protesi totali.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail