Home > Riviste > Minerva Ortopedica e Traumatologica > Fascicoli precedenti > Minerva Ortopedica e Traumatologica 2009 Febbraio;60(1) > Minerva Ortopedica e Traumatologica 2009 Febbraio;60(1):61-74

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA ORTOPEDICA E TRAUMATOLOGICA

Rivista di Ortopedia e Traumatologia


Official Journal of the Piedmontese-Ligurian-Lombard Society of Orthopedics and Traumatology
Indexed/Abtracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

REVIEW  


Minerva Ortopedica e Traumatologica 2009 Febbraio;60(1):61-74

lingua: Inglese

Indicazioni alla protesi di spalla inverse

McFarland E. G., Srikumaran U., Freehill M. T., Pannirselvam V., Petersen S. A.

Division of Shoulder Surgery Department of Orthopaedic Surgery The Johns Hopkins University, Baltimore, MD, USA


PDF  


La protesi inversa di spalla era stata inizialmente disegnata per pazienti affetti da artrosi con ampie rotture della cuffia dei rotatori. L’obiettivo della protesi era di medializzare la forza di reazione articolare per aumentare il braccio di forza del deltoide, permettendo così al muscolo di elevare l’arto. La protesi inversa ha dato risultati soddisfacenti nei pazienti con artropatia della cuffia dei rotatori, ma il suo uso per altre indicazioni non ha ottenuto un’attenzione adeguata nella letteratura medica. Tra le indicazioni alternative ricordiamo i pazienti con rottura della cuffia dei rotatori con grave riduzione del range di movimento ma senza artrosi (psedoparalisi non dolente), l’artrite reumatoide, il fallimento, per rottura della cuffia dei rotatori o per instabilità, di una protesi totale o parziale, le fratture dell’omero prossimale, e i tumori della regione della spalla. La protesi inversa ha permesso di salvare un sempre maggior numero di spalle, tra quelle che non avrebbero potuto essere recuperate altrimenti, ma i risultati delle protesi impiantate con indicazioni diverse dalla artropatia della cuffia dei rotatori sono poco noti. Benché la protesi inversa abbia dimostrato di essere efficace nel ridurre il dolore con molte indicazioni, il suo ruolo nel trattamento di tali patologie deve ancora essere definito, per l’alto tasso di complicanze. Gli obiettivi di questo articolo sono: presentare le varie indicazioni per la protesi inversa e riportate gli studi attualmente pubblicati sui risultati in caso di indicazioni alternative.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail