Home > Riviste > Minerva Ortopedica e Traumatologica > Fascicoli precedenti > Minerva Ortopedica e Traumatologica 2007 October;58(5) > Minerva Ortopedica e Traumatologica 2007 October;58(5):439-45

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA ORTOPEDICA E TRAUMATOLOGICA

Rivista di Ortopedia e Traumatologia


Official Journal of the Piedmontese-Ligurian-Lombard Society of Orthopedics and Traumatology
Indexed/Abtracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

REVIEW  


Minerva Ortopedica e Traumatologica 2007 October;58(5):439-45

lingua: Inglese

Artroplastica totale dell’anca mininvasiva. Una review

Dorr L. D., Hammerberg E. M.

Arthritis Institute, Inglewood, CA, USA


PDF  


La chirurgia protesica d’anca mini invasiva (MIS, minimally invasive surgery) può essere condotta in modo sicuro, senza compromettere i risultati a lungo termine, se viene eseguita da un chirurgo con un’adeguata esperienza con le nuove tecniche MIS. Il successo della protesica d’anca mini invasiva è legata a miglioramenti nei protocolli anestesiologici, di controllo del dolore, e riabilitativi. La tecnologia di navigazione computerizzata permette miglioramenti della tecnica chirurgica. I benefici comprendono un miglior controllo del dolore postoperatorio e un miglior recupero postoperatorio. Il maggior vantaggio della chirurgia mini invasiva è probabilmente la possibilità di migliorare la soddisfazione del paziente. Se un’incisione più piccola è associata a una maggior soddisfazione del paziente, senza sacrificare i risultati funzionali, appare ovvio che si dovrebbe ricorrere a una incisione più piccola nei pazienti a cui questo può dare un beneficio.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail