Home > Riviste > Minerva Ortopedica e Traumatologica > Fascicoli precedenti > Minerva Ortopedica e Traumatologica 2007 October;58(5) > Minerva Ortopedica e Traumatologica 2007 October;58(5):361-7

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA ORTOPEDICA E TRAUMATOLOGICA

Rivista di Ortopedia e Traumatologia


Official Journal of the Piedmontese-Ligurian-Lombard Society of Orthopedics and Traumatology
Indexed/Abtracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Ortopedica e Traumatologica 2007 October;58(5):361-7

Copyright © 2007 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Valutazione quantitativa con tomografia computerizzata delle varianti anatomiche dell’articolazione sacroiliaca in soggetti turchi normali

Demir M. 1, Gümüsburun E. 1, Mavi A. 1, Bayram M. 2, Gürsoy S. 3

1 Department of Anatomy Faculty of Medicine Gaziantep University, Gaziantep, Turkey
2 Department of Radiology Faculty of Medicine Gaziantep University, Gaziantep, Turkey
3 Department of Physical Medicine and Rehabilitation Faculty of Medicine, Gaziantep University, Gaziantep, Turkey


PDF  


Obiettivo. L’obiettivo di questo studio è stato la valutazione quantitativa delle varianti anatomiche dell’articolazione sacroiliaca in soggetti Turchi normali tenendo conto dell’età, del sesso, dell’indice di massa corporea e della parità nei soggetti di sesso femminile.
Metodi. Questo studio è stato eseguito su 400 pazienti consecutivi afferiti alla Gaziantep University, Faculty of Medicine, dipartimento di Radiologia per essere sottoposti ad una tomografia computerizzata pelvica per varie ragioni. Essi non avevano sintomi o evidenze patologiche che potessero coinvolgere l’articolazione sacroiliaca. L’età dei pazienti era di 15 o più anni.
Risultati. Le varianti anatomiche che abbiamo osservato sono state: articolazione sacroiliaca accessoria (70 pazienti, 17,5%), complesso iliosacrale (38 pazienti, 9,5%), osso piatto iliaco bipartito (22 pazienti, 5,5%), difetti semicircolari sul lato iliaco/sacrale (19 pazienti, 4,8%), osso piato iliaco simil-crescente (14 pazienti, 3,5%), presenza di centri di ossificazione (4 pazienti, 1,0%). I pazienti più anziani mostravano una maggiore incidenza di articolazione sacroiliaca accessoria (P = 0,006), complesso iliosacrale (P = 0,000), osso piatto iliaco bipartito (P = 0,012), difetti semicircolari (P = 0,006) e osso piatto iliaco simil-crescente (P = 0,041). I pazienti obesi avevano una maggiore prevalenza di articolazione sacroiliaca accessoria (P = 0,041), di complesso iliosacrale (P = 0,021) e di difetti semicircolari (P = 0,018). I difetti semicircolari (P = 0,000) e l’osso piatto iliaco simil-crescente (P = 0,000) erano più comuni nei soggetti di sesso femminile. Invece, l’osso piatto iliaco bipartito era più comune nei soggetti di sesso maschile (P = 0,036).
Conclusioni. Questo studio ha dimostrato che nei soggetti Turchi normali le varianti anatomiche sono indipendentemente correlate all’età, al sesso, all’indice di massa corporea e alla parità.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail