Home > Riviste > Minerva Ortopedica e Traumatologica > Fascicoli precedenti > Minerva Ortopedica e Traumatologica 2007 Ottobre;58(5) > Minerva Ortopedica e Traumatologica 2007 Ottobre;58(5):353-60

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA ORTOPEDICA E TRAUMATOLOGICA

Rivista di Ortopedia e Traumatologia


Official Journal of the Piedmontese-Ligurian-Lombard Society of Orthopedics and Traumatology
Indexed/Abtracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Ortopedica e Traumatologica 2007 Ottobre;58(5):353-60

lingua: Inglese, Italiano

Associazione tra ablazione con radiofrequenze e vertebroplastica nel trattamento delle metastasi vertebrali

Toro A., Calabrò G., Toro G.

Department of Orthopedy and Traumatology “G. Fucito” Hospital Mercato S. Severino, Salerno, Italy


PDF  


Obiettivo. L’utilizzo contemporaneo della radiofrequenza e della vertebroplastica per il trattamento delle metastasi vertebrali è riportato solo da pochi studi con risultati simili e davvero incoraggianti.
Metodi. Quattordici pazienti, affetti da lombalgia o dorsalgia da metastasi vertebrale, sono stati selezionati tra quelli afferenti al nostro centro dal marzo 2004 ad ottobre 2006. Ai pazienti veniva inoltre somministrata una scala di valutazione per il dolore (scala numerica verbale) e una scala di valutazione della loro qualità di vita (SF-36). Con il paziente in decubito prono sul tavolo operatorio, si posizionava per via trans-peduncolare il trocar nel corpo vertebrale interessato, si procedeva prima al prelievo di frustoli ossei per l’esame bioptico e poi all’ablazione mediante radiofrequenze; si procedeva successivamente alla preparazione del cemento ed alla successiva iniezione nel corpo vertebrale.
Risultati. Dei 14 pazienti trattati, tutti hanno riscontrato una diminuzione del dolore nel giro di una settimana. Il punteggio medio della Scala Numerica Verbale è passato da 9,1±0,6/10 nel pre-operatorio a 4,3±0,8/10 nel post-operatorio con diminuzione statisticamente significativa (P<0,0001) della percezione del dolore. Analogamente è stato possibile registrare un miglioramento medio statisticamente significativo (P<0,0001) dei punteggi dell’SF-36 che è passato da un valore medio pari a 22,5±0,2 a un valore di 59,4±0,6. In sintonia con quanto emerso dai lavori presenti in letteratura, nel 100% dei pazienti da noi trattati si è avuta una netta diminuzione della percezione del dolore in una settimana.
Conclusioni. In letteratura vi sono pochi lavori relativi all’associazione delle radiofrequenze e la vertebroplastica nel trattamento delle metastasi vertebrali. Tuttavia, come nel nostro studio, i risultati emersi sono molto incoraggianti.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail